Mounard inventa, la Salernitana riparte: il Foligno s’arrende per 1-0
CONDIVIDI SU 

4985TABELLINO FOLIGNO – SALERNITANA 0-1

FOLIGNO (4-3-2-1): Beni, Rampi, Adamo, Cotroneo, Verruschi (27’ st Desole); Fiordiani, Borgese, Menchinella; Vassallo (27’ st Guarracino), Gaeta (37’ st Fondi); Balistreri. A disp: Rospetti, Biondi, Costanzo, Gatti. All: Monaco.

SALERNITANA (3-5-2): Iannarilli; Rinaldi, Molinari, Tuia, Luciani, Mounard (46’ st Capua), Perpetuini, Mancini (37’ st Zampa), Piva; Gustavo (33’ st Topouzis), Ginestra. A disp: Dazzi, Chirieletti, Cristiano Rossi, Ricci. All: Perrone.

Arbitro: Lanza di Nichelino (Galetto/Baccini)

NOTE. Marcatori: Mounard al 21’. Ammonito: Mounard. Angoli: 4-8. Recupero: 1’ pt, 4’ st. Spettatori: 1.054 (di cui circa 500 provenienti da Salerno) per un incasso di € 10.712,88.

4685FOLIGNO (PG). Vittoria del cuore, ma meritata di una Salernitana più forte del vento e delle assenze. “Blasone” espugnato per gli uomini di Perrone e altri tre punti in cascina per tenere a debita distanza il Pontedera.

LA CRONACA. Parola d’ordine pretattica. Monaco e Perrone celano le carte e sorprendono tutti rispetto alle anticipazioni della vigilia. E’ la Salernitana, infatti, a schierarsi con il 3-5-2 che vede la contemporanea presenza di Tuia e Rinaldi in difesa (ne fa le spese Zampa, per lui solo panchina), mentre il trainer del Foligno si affida ad un 4-3-2-1 molto dinamico con Gaeta e Vassallo a supporto dell’ariete Balistreri. L’avvio è di marca granata, al 3’ Mounard scalda le mani a Beni con un destro dalla distanza, potente ma centrale. Partita condizionata dal forte vento che soffia sul ‘Blasone’, nel primo tempo a favore della Salernitana che prova a sfruttare l’inatteso alleato.

4687Al 13’ lancio lungo di Molinari premia la folata di Piva il cui spiovente mancino teso e preciso mette in difficoltà Beni che se la cava in due tempi su Ginestra. La Salernitana amministra, alza la linea difensiva e fa girare la palla senza prodursi in inutili lanci lunghi. Pazienza premiata al 21’ quando Rinaldi serve Mounard decentrato sulla destra, il francese si fa beffe di Verruschi e Menchinella prima di rientrare sul sinistro e lasciar partire un tiro all’incrocio imparabile per il malcapitato estremo difensore umbro. Esultanza liberatoria del francese, al primo gol con la maglia. Al 23’ Molinari tenta il jolly con una battuta da centrocampo che costringe Beni agli straordinari. Sessanta secondi più tardi la reazione dei falchetti: Vassallo lavora un bel pallone sulla sinistra e serve l’accorrente Fiordiani la cui conclusione trova la spalla del compagno Gaeta che favorisce il compito della retroguardia guidata da Iannarilli. E’ un fuoco di paglia perché la Salernitana non soffre, ma prova a pungolare nuovamente la difesa biancoazzurra con gli inserimenti senza palla di Mounard e Mancini, vera e propria spina nel fianco del Foligno.

_4643I granata collezionano corner in serie, ma difettano in concretezza nell’ultimo passaggio. Si va al riposo con la Salernitana in vantaggio, dagli spogliatoi rientrano gli stessi effettivi. Padroni di casa pericolosissimi già al 3’ con un velenoso diagonale di Balistreri che attraversa tutto lo specchio della porta difesa da Iannarilli prima del provvidenziale intervento di Luciani in corner . Il vento questa volta sospinge le velleità di rimonta del Foligno che si rifà vivo al 9’ con un calcio di punizione di Gaeta che sibila di poco alto sul montante. Prendono coraggio i falchetti e  guadagnano tre corner nel giro di pochi minuti. All’11’ un difettoso rinvio di Luciani trova Fiordiani che ben posizionato di prima intenzione non inquadra lo specchio della porta. Il Foligno ci crede, la Salernitana abbassa troppo il baricentro. Al 16’ tiro di Borgese che Iannarilli controlla in due tempi. L’estremo difensore di Alatri è ancora attento e respinge di pugno pochi secondi più tardi un velenoso calcio di punizione di Gaeta.

_4966Azione d’alleggerimento al 18’ ben orchestrata da Mancini e Ginestra, la sfera termina sui piedi di Piva che si lascia ingolosire e prova la battuta in corsa dalla distanza con risultati rivedibili. Al 20’ combinano Balistreri e Gaeta, ma il mancino di quest’ultimo è sbilenco e si spegne sul fondo. E’ la Salernitana a sfiorare il raddoppio al 21’: corner al millimetro di Mancini, Molinari svetta di testa e per poco non supera per la seconda volta l’immobile Beni. Monaco si gioca la doppia carta Guarracino-Desole in luogo dell’impalpabile Vassallo e del volenteroso Verruschi. E’ la Salernitana però a rifarsi viva al 31’ con una bella combinazione tra Luciani e Mounard il cui destro di controbalzo è bello stilisticamente ma impreciso. Al 35’ azione convulsa del Foligno, la palla termina sui piedi del liberissimo Guarracino che, tutto solo dinanzi a Iannarilli, spreca malamente di piatto destro. Al 42’ bella discesa di Luciani che serve Mounard il cui destro di prima intenzione termina alle stelle. E’ l’ultimo brivido di una partita combattuta ma condizionata dal forte vento. Per la Salernitana tre punti di platino, un altro scalino superato nella risalita verso la Prima Divisione. La meta è sempre più vicina, ma guai a distrarsi…

CONDIVIDI SU 
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Notizia precedente:
Notizia successiva:
Sono presenti 2 commenti
  1. enzo '70 - 03 febbraio 2013 01:41
    avete messo solo 10 giocatori granata...
    • Mauro Mazzarella - 03 febbraio 2013 01:42
      Hai ragione, mancava Piva! Grazie per la segnalazione