Sala stampa, amarezza Melfi. Bitetto: “Dato il massimo”. Novelli: “Se proprio dovevamo perdere…”
CONDIVIDI SU 
Il tecnico melfitano, Bitetto (foto Maffia/Daimages)

Il tecnico melfitano, Bitetto (foto Maffia/Daimages)

La delusione per il risultato negativo conseguito all’Arechi è ben visibile sul volto del tecnico melfitano Bitetto, ma è un’amarezza pacata che lascia comunque trasparire fiducia in vista dell’imminente futuro: “Dispiace molto non essere riusciti a portar via qualcosa, anche perchè abbiamo dato il massimo. Però, si sa, i risultati spesso sono il frutto degli episodi, che oggi sono stati a favore dei calciatori di casa e contrari a noi. Se a tutto questo aggiungiamo lo spessore di Guazzo e compagni, abili a sfruttare gli errori altrui, il quadro è completo. A dire il vero, però, un pò del
nostro ce l’abbiamo messo, lanciando spesso palloni in area dalla trequarti quando sarebbe stato più proficuo far girare in maniera più razionale la palla a ridosso della loro area di rigore”. Poi, all’ex tecnico del Manfredonia viene chiesto se la sconfitta di Salerno aggiunge pressione al compito che i suoi ragazzi dovranno portare avanti fino al termine della stagione, ma il trainer gialloverde, più sorpreso che indispettito dal quesito, è celere nella risposta: “Assolutamente no, anche perchè non è a Salerno che bisogna fare i punti per tagliare il traguardo della salvezza. Non è successo assolutamente nulla, anzi andiamo via confortati  all’ennesima prestazione positiva, da una prova che sarà il nostro carburante per affrontare con convinzione e determinazione le ultime cinque gare”. Prima di raggiungere il resto della comitiva lucana per far rientro a casa, Bitetto si mostra lusingato per i complimenti ricevuti da patron Lotito: “E’ chiaro che ricevere elogi da una personalità come Lotito fa sempre piacere, ma è giusto sottolineare che il nostro campionato positivo è merito che va diviso equamente con i miei ragazzi, che stanno dando tanto nel lavoro settimanale ed in partita”.

Sentiva molto la gara il DS dei gialloverdi, Gioacchino Novelli, da salernitano e tifoso granata. “Abbiamo fatto una buona partita, siamo stati sfortunati per quell’infortunio del portiere nel secondo tempo – ha dichiarato in sala stampa – La sconfitta a Salerno ci sta, se proprio dovevamo perdere, preferivo perdere con la Salernitana che è la mia squadra del cuore. Noi speriamo di salvarci e di aiutare la Salernitana domenica prossima vincendo col Pontedera. cosa è stato determinante oggi? Si è visto il maggiore tasso tecnico di alcuni giocatori della Salernitana, questo ha fatto la differenza. E poi l’episodio del secondo gol: il nostro portiere ci ha salvato parecchie partite, oggi invece è stato il contrario ma può capitare”.

CONDIVIDI SU 
Tags: , , , , , , , , , , , , ,
Notizia precedente:
Notizia successiva:
Fotocronache