Non basta l’ex granata Piccolo (che non esulta), niente miracolo a Napoli per lo Spezia
CONDIVIDI SU 
Mimmo Di Carlo (foto G.Maffia)

Mimmo Di Carlo (foto G.Maffia)

Non è bastato uno Spezia volitivo e tatticamente disciplinato per arrestare la corsa del famelico Napoli sui tre fronti calcistici (Campionato, Champions League e Coppa Italia) che lo vedono protagonista. Nonostante un avvio di gara spigliatissimo, che quasi ha sorpreso i padroni di casa, gli uomini di Di Carlo hanno dovuto immediatamente prendere coscienza della forza tecnica dei partenopei, passati in vantaggio al termine di un’ottima azione individuale di Zielinski. Nella fase centrale della prima frazione di gioco, il Napoli ha spesso sfiorato il gol del raddoppio, soprattutto con Insigne che ha colpito il palo. Però sul finire del tempo, quando il match sembrava ben saldo nelle mani di Giaccherini e compagni, gli ospiti hanno prodotto ottime trame di gioco, realizzando il gol del pari con l’ex granata Piccolo (che non esulta, è nato a Napoli e fa il tifo per gli azzurri) e dominando le ultime fasi. Grazie ad un ‘3-4-2-1’ compatto a livello difensivo e sempre pungente nelle azioni di rimessa. Godibile ed intenso anche l’avvio del secondo tempo, con le due squadre che si fronteggiano colpo su colpo. Il Napoli si rende pericoloso soprattutto con Gabbiadini, mentre gli spezzini pungono con le ficcanti incursioni degli esterni De Col e Migliore. Al decimo minuto la svolta, con i partenopei che si riportano avanti nel punteggio grazie ad una giocata spettacolare targata Insigne-Giaccherini. Seguita, una manciata di minuti più tardi, dalla combinazione vincente Rog-Gabbiadini che mette la parola fine al discorso qualificazione. I ritmi si abbassano, comincia la girandola delle sostituzioni. Il Napoli punta a gestire il rassicurante vantaggio, mentre lo Spezia, leggermente demoralizzato, non riesce ad essere più insidioso. Gli ultimi trenta minuti non esprimono nulla di particolare, certificando il passaggio del Napoli ai quarti di finale della competizione tricolore. Lo Spezia abbandona il sogno di andare avanti nella manifestazone, ma non quello di disputare un ottimo girone di ritorno e conquistare la qualificazione ai play off promozione. La Salernitana, che ospiterà i liguri alla ripresa del torneo cadetto, è avvertita.

Il 18 gennaio (17:30) al Mapei Stadium di Reggio Emilia scenderà in campo l’unica altra squadra di Serie B rimasta in lizza nella competizione, il Cesena che sarà ospitato dal Sassuolo sempre negli ottavi.
TABELLINO Napoli-Spezia 3-1
Napoli (4-3-3): Rafael; Maggio, Albiol, Maksimovic, Strinic (78’ Hysaj); Zielinski, Diawara, Rog; Giaccherini, Gabbiadini (81’ Pavoletti), Insigne (61’ Callejon). All. Calzona (Sarri squalificato)
Spezia (3-4-1-2): Chichizola; Valentini, Terzi, Ceccaroni (66’ Pulzetti); De Col, Maggiore, Deiola, Migliore; Piccolo (67’ Granoche); Piu, Baez (73’ Mastinu). All. Di Carlo
Arbitro: Pairetto
Marcatori: 3’ Zielinski (N), 35’ Piccolo (S), 55’ Giaccherini (N), 57’ Gabbiadini (N)
Ammoniti: nessuno
CONDIVIDI SU  teen pornoteen porn shemale porn
Tags: , , , , , , , , , , ,
Notizia precedente:
Notizia successiva:
teen porno
Fotocronache