Parlato (ag. Zito): “Antonio resta a Salerno! Sente la maglia, non considera offerte più alte”
CONDIVIDI SU 

BRU_7400“Antonio Zito resta a Salerno. Secondo me la sosta potrebbe portare Bollini a rivedere il modulo per trovargli la giusta collocazione”. A ribadirlo è Claudio Parlato, procuratore del calciatore partenopeo al centro di mille voci di mercato in estate, come in inverno. Stavolta radio mercato lo vorrebbe merce di scambio per arrivare ad altri elementi. Poco impiegato da Sannino, anche Bollini l’ha schierato a singhiozzo da titolare ma l’ex irpino non ha intenzione di muoversi dal club granata. Si è parlato dell’Entella. “Nessuno ci ha comunicato di essere merce di scambio, vuole giocarsi le sue chances a Salerno perchè sente sua la maglietta granata. Se dovesse arrivare un’offerta anche più alta, come fece il Foggia in estate, non la prenderebbe in considerazione. Zito è stimato dai tifosi. Alcuni giocatori giocano con determinati tipi di stimoli, altri con diversi. Lui vuol rimanere, Salerno è una piazza stimolante di per sé, non vuole cambiare aria, a prescindere dall’impiego. Seguo da un paio di mesi Zito ma ero a Lanciano ai playout, sembrava l’uomo ovunque, correva per tre. Quella partita poteva durare anche 180′, avrebbe corso 180′ – dice l’agente ai microfoni di Tv Oggi nel corso del programma Zona Mista News – Fu vicino ad andare in Serie A dopo aver perso i playoff con la maglia dell’Avellino. Ha raccolto meno di quanto avrebbe meritato in carriera finora. Nei momenti di necessità e nelle partite decisive si carica di più rispetto agli altri. Cessione sfumata al Foggia in estate? Non lo seguivo io, si dice che possa essere stato il suo mancato arrivo a determinare l’addio di De Zerbi. Antonio voleva restare a Salerno per fare un altro campionato da protagonista. Si è messo a disposizione di Sannino, abbiamo visto l’evoluzione e non è stato impiegato per quanto avrebbe meritato, dopo aver dimostrato il suo valore nei mesi precedenti. Può fare il quarto a sinistra a centrocampo, la mezzala, ha giocato con la mediana a due. Ha caratteristiche principalmente umane. Ha accettato la sfida di venire a Salerno l’anno scorso con una squadra mezza retrocessa e ha contribuito alla salvezza. Non prende inconsiderazione l’ipotesi di andare via. Lui è un jolly. Non c’è stato un grosso dialogo con Bollini ma il rapporto con lui è più solare. Il cambio tecnico porta benefici nello spogliatoio, permette ai giocatori di scaricarsi da responsabilità”.

Nel mirino della critica, tuttavia, e forse anche del precedente tecnico, ci sono le condizioni del giocatore. Qualcuno non l’ha visto in grado di reggere i 90′. “Non mi sembra in affanno, ho visto le sue partite e mi è parso in forma  – risponde Parlato – Rapporto con Sannino? Per l’impiego che ha avuto qualche problema c’è stato ma non è che non si sono presi. L’allenatore subentrante deve avere il tempo di valutare la rosa, chi subentra deve cambiare il meno possibile per poi modificare eventualmente pian piano. Ora può dimostrare il suo valore, è un bravo allenatore”. Chissà.

Per Parlato infine “alla Salernitana questa categoria va stretta, c’è volontà di portarla in alto ma per riuscire a programmare la salita bisogna attendere, attualmente non vedo un progetto, continui cambi di allenatore e rivoluzioni della rosa non aiutano. Il campionato è livellato verso il basso, la Salernitana con i giusti accorgimenti e un pizzico di fortuna può arrivarci. Servirebbe un attaccante se Bollini, come pare, cambierà modulo. Ronaldo? Ha caratteristiche più da centrocampo a tre, un eventuale cambio di modulo potrebbe penalizzarlo. Importante stabilire con che spartito tattico giocare, perchè con una difesa a tre bisognerebbe aumentare il numero di difensori o cambiare le caratteristiche dei centrocampisti. Anche se Ronaldo ha qualità, detta i tempi, e questo tipo di calciatori serve sempre. Sta a Bollini stabilire dove sviluppare di più il gioco, se col trequartista per vie centrali o sulle fasce. Donnarumma? dopo il rendimento dello scorso campionato credo abbia meritato il tanto agognato rinnovo”.

 

CONDIVIDI SU 
Tags: , , , , , , , , , , , , , ,
Notizia precedente:
Notizia successiva:
Fotocronache