Joao Silva a Bussola24: “Addio voluto dalla società. Derby? Sarà dura, che vinca il migliore”
CONDIVIDI SU 

_dsc8578Una stagione condita da tanti bassi e pochi alti a Salerno, al punto da “costringerlo” a far ritorno in patria per cercare il rilancio. Joao Silva è ripartito da casa sua, dal Portogallo e dalla Liga Nos, a caccia di nuovi stimoli e, perchè no, magari anche di qualche marcatura in più che per un attaccante non guasta mai. Il puntero di Santo Tirso, cittadina che dista pochi chilometri sia da Porto sia da Santa Maria de Feira, quartier generale della Feirense, non c’ha pensato tantissimo ed ha accettato l’offerta della compagine lusitana, arrivatagli nelle ultimissime battute dell’ultima finestra di mercato. E, ad onor del vero, una prima gioia è già arrivata: gol all’esordio contro il quotato Sporting Lisbona. “E’ stato un anno un po’ difficile per me, non ho mai avuto problemi del genere – ha esordito Joao su Radio Bussola 24, dopo le venti presenze e le zero reti messe a segno in granata –  Ho sempre onorato la maglia al massimo, ho sempre lavorato tanto e tutti lo sanno. Anche a Salerno ho lavorato ed aiutato tanto, poi purtroppo mi sono infortunato. Ero carico per questa stagione, il mister credeva tanto in me ma purtroppo sono andato via. E’ stata una scelta della società – ha proseguito –  Ci sono stati alcuni problemi, anche perchè io avevo già preso casa e programmato tutto. Ora sono tornato in Portogallo e spero di dare il massimo. Rimpianti? Magari avrei voluto maggiori opportunità per giocare, conosco il mio valore. Contro il Bari per poco non facevo gol, giocai bene e questo mi stimolò a lavorare ancora di più. Anche a Pisa feci una buona gara, se ho continuità posso far bene anche fuori ruolo. Voglio bene a tutti i tifosi, è una grande piazza ma devo guardare avanti adesso”. 

Lo statuario centravanti lusitano, inoltre, sarà un doppio ex del derby in programma domenica pomeriggio allo stadio Partenio di Avellino: “La serie B è difficile, è un campionato tosto dove anche l’ultima in classifica può vincere con la prima. Domenica sarà importante per tutti i tifosi, il derby è una gara sentita e tutti vogliono vincere, soprattutto per i tifosi. L’anno scorso mancavano tanti calciatori a noi, domenica non sarà facile ma mi auguro che non ci siano disordini fuori dallo stadio e che sia una bella partita. Conterà tanto il lavoro che si farà in settimana, il calcio è così e speriamo di vedere all’opera due squadre che stanno bene fisicamente. Chi vince? Sarà dura, l’Avellino in casa è forte e mi auguro soltanto che vinca il migliore e che la Salernitana faccia una buona gara”.

In chiusura, una considerazione sull’attuale reparto avanzato della Salernitana e sul suo connazionale Roberto, attaccante arrivato a Salerno in estate dopo aver firmato un triennale e ceduto poco dopo ai portoghesi dell’Arouca: “Non so cosa sia successo con Rodrigo – ha ammesso Joao Silva – Lui lo saprà molto meglio di me. Comunque, quello granata, è un buonissimo attacco e penso che il gruppo possa far bene in questa serie B. Il torneo sarà lungo, ci sono tanti calciatori in rosa e si può fare un buon campionato. Può essere l’anno della consacrazione per Sprocati, ma non farei drammi: alla fine ha perso soltanto una partita ed il cammino è ancora lungo. Ci vuole pazienza, ci sono parecchi ragazzi validi”.

 

CONDIVIDI SU  teen pornoteen porn shemale porn
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Notizia precedente:
Notizia successiva:
teen porno
Fotocronache