Frosinone, Longo: “Salernitana temibile, servono coraggio e personalità. Citro? Lo vedremo…”
CONDIVIDI SU 

bru_6299Moreno Longo prova a caricarsi il Frosinone sulle spalle e sprona l’ambiente ciociaro a stringersi intorno alla squadra dopo il momento no fatto di 4 partite senza vittorie, ponendosi in conferenza stampa come scudo di fronte alle critiche piovute negli ultimi giorni. “Fanno parte del gioco, le accettiamo volentieri ma dopo 9 partite mettere in discussione una squadra che non ha lesinato impegno, fa rabbia perchè i giocatori stanno dando l’anima. Dobbiamo migliorare, nessuno di noi pensa di essere più bravo, l’unica ricetta è rimboccarsi le maniche e lavorare giorno per giorno tutti insieme – il duro affondo del trainer ciociaro – Quest’anno possiamo commettere solo un errore, quello di farci del male da soli, ovvero mettere su questa squadra la spada di Damocle di non poter pareggiare o perdere una partita o di dover per forza quasi sbeffeggiare l’avversario. Tutto ciò non può esistere. Senza pressioni la squadra può avere leggerezza ed esprimersi liberamente come fatto anche nell’anno 2014/15, quando a un certo punto ballava tra quinto e sesto posto. Il DNA di questa squadra è sudarsi le cose, anche in momenti di sofferenza. Non perdiamo la nostra dimensione: il Palermo e l’Empoli sono reduci da dieci anni di Serie A e Coppa Uefa, il Frosinone no. Criticate me e non la squadra, se volete”.

Ora c’è la trasferta di Salerno. “Gli unici due infortunati sono Paganini e Frara, il resto della rosa è a disposizione. A Dionisi è stato dato un permesso per motivi familiari – afferma Longo – Di certo nelle prossime tre partite darò spazio di nuovo a diversi giocatori, anche qualcuno che non abbiamo visto nelle prime giornate. Ho a disposizione una rosa con alternative meritevoli, per come si stanno allenando. Senza, tuttavia, stravolgere o snaturare le nostre caratteristiche. Citro? In queste gare darà il suo contributo, inizia a stare bene, si allena da due settimane con la squadra e vedremo anche lui nella formazione o titolare o a gara in corso”. La vittoria nel derby di Avellino proietta i granata verso un grande entusiasmo: La Salernitana avrà un’autostima accresciuta ma per noi deve cambiare poco, dobbiamo pensare a noi. Ci sarà grandissimo rispetto per una formazione temibile soprattutto in casa ma nel contempo ci vorranno coraggio e personalità, abbiamo possibilità di andare a fare un’ottima partita all’Arechi. Le percussioni di Vitale e Sprocati? non terrò nessuno bloccato, sarà una partita in cui il modulo della Salernitana è cambiato diverse volte, ipotizzare come giocherà non sarà facile. Da un 3-4-3 che ha fatto per la prima volta ad Avellino, ha ribaltato la gara col 4-2-4, in passato Bollini ha schierato 4-3-3, 3-4-1-2. Bisogna andare a Salerno a giocarsi la partita con le nostre caratteristiche, siamo il Frosinone e possiamo andare lì per fare un’ottima partita.”.

L’allenatore dei gialloblu in settimana ha lavorato anche sull’aspetto psicologico dei suoi uomini “col presupposto di cercare di dare serenità a questi ragazzi che stanno facendo il percorso che devono fare, fatto di un ottimo inizio che li ha visti fare cose eccezionali e forse poco rimarcate. Cose fatte passare per scontate e che invece non lo erano, nonostante l’impossibilità di giocare in casa per diverse partite. Abbiamo analizzato le ultime quattro gare in cui non è arrivata la vittoria ma che, prese singolarmente, hanno un perchè. C’è stata presa di coscienza che ci sono i presupposti per poter lavorare bene fino a fine campionato. Nutro grande responsabilità per raggiungere l’obiettivo che tutti si aspettano: le pressioni non mi hanno mai spaventato, se potessi me le prenderei tutte io, cercando di lasciare la squadra il più possibile fuori. Chiedo ai tifosi di continuare a sostenere la squadra come hanno fatto in questi anni. Questa tifoseria ha applaudito una squadra dopo una retrocessione, una manifestazione d’affetto fuori dal comune nel campionato italiano. Se hai questa capacità, puoi mantenerti vicino alla tua squadra anche nei momenti di difficoltà”.

 

CONDIVIDI SU 
Tags: , , , , , , , , , ,
Notizia precedente:
Notizia successiva:
Fotocronache