Under 17, i granatini vincono il derby con l’Avellino per 3-1. Ferraro: “Trovata la nostra identità”
CONDIVIDI SU 

ferraro saCampionato Under 17, Girone C, 9^ Giornata

Salernitana – Avellino 3-1

TABELLINO

SALERNITANA: Scognamiglio, Novella, Gambardella (38’ st Migliore), Marino, Panavolta, Cataldi (33’ st Fucci), Raiola (27’ st Magliulo), Pezzo (33’ st Galiano), Pisano (27’ st Battipaglia), Esposito (27’ st Landri), Iannone (33’ st Del Regno). A disp. Tancredi, Regoli. All. Ferraro.

AVELLINO: Pone, Caputo, Cimmino, Corcione (1’ st Antignano), Sannia, Buonocore (33’ st Vasapollo), Falco, De Luca (24’ st Gargaro), Coiro (30’ st Paudice), Garofalo, Pacilli (1’ st Caso). A disp. Ciccariello, Farinelli, Ferraro, Visconti. All. Festa.

Marcatori: Iannone (S) al 22’ pt e al 30’ st su rig., Antignano (A) al 18’ st, Raiola (S) al 25’ st. Ammoniti: Gambardella (S), Esposito (S), Garofalo (A). Espulsi: Sannia (A) per somma di ammonizioni.

CRONACA

La Salernitana Under 17 si aggiudica il derby contro l’Avellino giocato al Figliolia di Baronissi con il risultato di 3-1.

Al 25’ apre la gara il solito Iannone che riceve il bel filtrante di Raiola concludendo in rete di prima intenzione con un diagonale che Pone non riesce a trattenere. La Salernitana rischia poi solo su un calcio piazzato di Garofalo, che Scognamiglio arriva a deviare in angolo, e riesce così a concludere il primo tempo in vantaggio. Nel secondo tempo però pareggia l’Avellino con un cross di Garofalo per Antignano, tenuto in gioco dalla difesa che non sale in tempo. I granatini tornano in vantaggio al 25’ con Raiola, che taglia dal secondo palo e riceve il cross di Gambardella anticipando il diretto avversario e insaccando il pallone alle spalle di Pone. Ci pensa di nuovo Iannone a chiudere la gara trasformando il rigore guadagnato da Pisano al 30’. La partita finisce perciò 3-1 per la Salernitana.

 

Mister Ferraro è fiero dei suoi ragazzi per risultato e prestazione: “È stata una grande prestazione da parte dei ragazzi, hanno avuto l’approccio giusto in una partita sentitissima. Ma l’Avellino mi ha impressionato e mi è piaciuto, erano ben messi in campo e ci hanno messo in difficoltà nella prima parte. Però nel secondo tempo abbiamo trovato un paio di soluzioni meritando la vittoria. Partita interpretata benissimo, per cui va fatto un plauso ai ragazzi che hanno trovato continuità nel rendimento, continuità che non è mancata finora, nemmeno nella partita persa immeritatamente col Frosinone”. Ad aiutare la squadra il calore e l’entusiasmo del pubblico di casa, che si è anche scaldato sugli spalti, causando un po’ di tensione: “C’è molto entusiasmo tutte le domeniche perché forse la squadra entusiasma, le sensazioni sulla squadra sono positive. Questo fa si che escono delle belle prestazioni e delle belle domeniche per chi ci viene a vedere. Poi i risultati aiutano e portano entusiasmo. Animi caldi? Niente di che, solite situazioni da derby, nessuno voleva perdere e il derby si è visto sia dentro che fuori dal campo, ma niente di trascendentale, qualche scaramuccia ma tutto normale. Anche in campo è stata una partita maschia, loro non si sono risparmiati, ma noi non abbiamo prestato il fianco”. Un’altra nota positiva è che la squadra ha ormai trovato la propria identità, e in questo è stata anche aiutata dalla maggiore larghezza del Figliolia rispetto al Volpe, che era stata la casa della squadra nella scorsa stagione: “Noi preferiamo giocare in ampiezza, abbiamo trovato la nostra situazione ideale, è un’osservazione giusta. Soffriamo a giocare nei campi stretti in fase di impostazione, anche se per esempio a Frosinone siamo stati bravi da questo punto di vista”.

CONDIVIDI SU 
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Notizia precedente:
Notizia successiva:
Fotocronache