L’ex Bogdani al Mattino: “Salernitana da metà classifica ma Palermo non è quello di Toni e Corini!”
CONDIVIDI SU 
Erjon Bogdani con Giorgio Di Vicino dopo un gol nel 2003/04 (foto B.Maffia/SalernoSportPhoto)

Erjon Bogdani con Giorgio Di Vicino dopo un gol nel 2003/04 (foto B.Maffia/SalernoSportPhoto)

Un tempo a Natale c’era la sosta e si tornava in campo all’Epifania. Oggi il 25 dicembre capita nel pieno della settimana d’avvicinamento all’ultima giornata del girone d’andata. La Salernitana dovrà giocare sul difficilissimo campo della capolista Palermo, lì dove ha vinto soltanto una volta con lo 0-2 firmato Erjon Bogdani nel 2003/04. Le altre vittorie esterne ottenute contro il Palermo, infatti, sono maturate su campi neutro o contro la squadra rosanero B.

“Ricordo con piacere quella doppietta. Fu una bellissima vittoria in una partita molto difficile perché quell’anno il Palermo aveva uno squadrone, puntava ad andare in A. Ci riuscì, alla fine. Ci presentammo lì quasi spacciati, nessuno avrebbe mai creduto a una nostra vittoria. E invece arrivò – ha affermato ieri l’ex attaccante albanese sulle colonne del quotidiano Il Mattino – Analogie col presente? Non direi. Non c’è paragone tra il Palermo di quell’anno e quello di oggi. All’epoca aveva gente del calibro di Toni, Corini, i fratelli Filippini e tanti altri grossi giocatori. Attualmente è forte ma credo abbia un organico più livellato al resto delle squadre. Al di là dell’ultima sconfitta, la Salernitana può giocarsela: se giovedì andrà lì concentrata e convinta nei propri mezzi, può fare risultato. Col Foggia è arrivata una sconfitta, pur non meritandola. Nel calcio questo può capitare ma sono condizioni che devono fortificare. Bisogna trarre i segnali positivi: la Salernitana ha giocato bene, ha costruito molte occasioni e colpito tre legni, evidentemente c’è stata un po’ di sfortuna perché il risultato non rispecchia quanto visto in campo”.

Attualmente Bogdani allena la Nazionale U19 dell’Albania. “Mi piace tantissimo la vita da allenatore, sto facendo una bella esperienza. Però a me piace stare sempre sul campo ed è difficile farlo da CT, perché si gioca ogni 2-3 mesi ed è impossibile avere sempre sott’occhio i calciatori. Quando terminerò quest’avventura mi piacerebbe allenare una squadra di club per dare la mia impronta quotidiana. Allenare a Salerno in futuro? Sarebbe un sogno – afferma Bogdani, oggi 40enne – La Salernitana ha una rosa da metà classifica. Per i giocatori che sono arrivati in estate, non credo che la società abbia voluto costruire un organico in grado di andare in Serie A. Non so se vorrà farlo a gennaio. Di certo c’è una buona squadra che può lottare per un posticino nei playoff e, nel caso, giocarsela. Il campionato è molto equilibrato. Il tifoso salernitano è appassionato, dà tutto per la maglia. Ma negli ultimi periodi la squadra ha avuto risultati e prestazioni troppo altalenanti. A qualcuno non è piaciuto molto. Si tratta di una piazza bellissima, sarebbe l’ideale per fare la Seria A: ci sono Chievo e Sassuolo, può starci pure la Salernitana. Per puntarvi con decisione, tuttavia, serve qualche giocatore di maggior calibro ed esperienza”.

A gennaio si muoverà certamente qualcosa. Il ds Fabiani è chiamato a sfoltire la rosa, cedendo la manciata di scontenti, ma anche a reperire occasioni sul mercato per rinforzare il team tra centrocampo e attacco. Non propriamente dello stesso avviso Bogdani: “Davanti la Salernitana ha ottimi elementi. Ho visto qualche partita e non credo che manchino le alternative. Anche Rodriguez, ultimamente meno impiegato, è un valido calciatore che conosco, perché fu mio compagno a Cesena. Il discorso è sempre lo stesso, le prestazioni sono state troppo intermittenti. Tocca a Colantuono mettere le cose a posto. Registrare la difesa è la prima cosa. Ora che faccio l’allenatore sono attentissimo a questo aspetto. Ci vuole sempre equilibrio, perché se non subisci gol puoi sempre crearti l’occasione per farlo, magari sfruttando qualche palla inattiva. E poi a Salerno c’è Bernardini: abbiamo giocato insieme al Livorno e al ChievoVerona, so che può dare un grosso contributo in termini di esperienza, appena rientrerà”.

 

CONDIVIDI SU  teen pornoteen porn shemale porn
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Notizia precedente:
Notizia successiva:
teen porno
Fotocronache