Doppio ex Bovo: “Fare punti a La Spezia per invertire rotta. Classifica stupisce visti i nomi…”
CONDIVIDI SU 

BRU_6872La Salernitana è attesa venerdì sul campo dello Spezia, dove dovrà dare vita a una grande prestazione per portare via punti alla squadra con la miglior difesa della Serie B. La squadra ligure nell’ultimo periodo ha inanellato un’ottima serie di risultati grazie ai quali si trova a ridosso della zona playoff. Ad analizzare il momento delle due squadre il doppio ex Andrea Bovo che in diretta su Radio Bussola 24 spiega: “La Salernitana aveva fatto bene dopo un inizio incerto, poi sono arrivati un po’ di risultati deludenti ed ora è costretta a guardarsi le spalle. Bastano poche partite per svoltare in meglio o peggio la situazione, lo Spezia appunto lo ha dimostrato“. E i brutti periodi a Salerno pesano il doppio: “Purtroppo giocare a Salerno non è semplice, è una piazza molto esigente e ci si aspetta sempre il massimo. Il problema è che non sempre si riesce a raccogliere ciò che si crea, come nelle ultime partite. La prossima partita rappresenta la migliore occasione per invertire la rotta , fuori casa dove magari c’è meno pressione. Se fai risultato a La Spezia ritrovi più fiducia“. Molti tifosi si lamentano anche del mercato fatto dalla società, non all’altezza di una squadra il cui obiettivo non è solo galleggiare in Serie B. Lo Spezia per esempio ha fatto acquisti importanti a gennaio, ma secondo il centrocampista veneto non è un esempio adatto al caso: “I risultati non sono sempre figli dei capitali. Se la Salernitana stava facendo quello che sta facendo lo Spezia nessuno si sarebbe lamentato del mercato, in una situazione inversa magari si rimproverava di aver rivoluzionato troppo la rosa invece. Io da fuori fatico a capire chi sarebbe servito o chi sta dando meno del previsto, ma a leggere i nomi mi stupisco della classifica. Comunque penso che per lo Spezia siano state più determinanti la fiducia e l’autostima seguite a risultati importanti, i nuovi acquisti hanno sicuramente aiutato, ma non hanno fatto la differenza“. I giocatori poi bisogna anche saperli aspettare, o meglio prenderli nell’anno giusto, perché arrivare ai playoff non è complicato: “Innanzitutto è difficile che non si disputino gli spareggi, l’ultima volta che è capitato è stato nel campionato con Juventus, Napoli e Genoa. In un campionato così equilibrato è difficile mettere 15 punti tra la terza e le altre. Con i playoff allargati è più facile entrare per le squadre se vengono fatte le cose per bene. Però bisogna trovare i giocatori nell’anno giusto, soprattutto i giovani. Bisogna anche saperli aspettare, ma a volte aspetti e non ti ripagano mai. C’è bisogno della fortuna di beccare l’anno giusto. Per esempio Strakosha se fosse partito bene a Salerno ora magari non era nemmeno in Serie A, perché magari l’avrebbero cercato altre squadre importanti di Serie B e non sarebbe tornato alla Lazio senza richieste. A Salerno poi è più difficile perché l’incastro sbagliato pesa di più”.

 

 

CONDIVIDI SU  teen pornoteen porn shemale porn
Tags: , , , , , , , , , , ,
Notizia precedente:
Notizia successiva:
teen porno
Fotocronache