Sabato prima granata allo Stirpe, 12 precedenti al vecchio Matusa: nel 2016 exploit con Coda
CONDIVIDI SU 

bru_7580Sabato pomeriggio la Salernitana metterà piede per la prima volta nel nuovo stadio Benito Stirpe, piccolo gioiellino costruito dalla società ciociara ed attivo dalla corrente stagione. Ha sostituito il vecchio Matusa, dove i granata in passato hanno vinto solo due volte (l’ultima nello scorso campionato, ndR), pareggiando tre e perdendo in sette occasioni.

È datato 28 maggio 1972 il primo match tra Salernitana e Frosinone disputato in terra ciociara. Si giocava la quartultima giornata del campionato di Serie C 71/72, girone C, e il Frosinone vinse 1-0 grazie a un gol di Brunello nel finale. Lo stesso calciatore fu protagonista di una doppietta nella stagione seguente con cui arrotondò l’iniziale vantaggio di Malvestiti su rigore per il perentorio 3-0 finale rifilato alla Salernitana all’epoca allenata da Nicola Chiricallo. Il primo punto dei granata in Ciociaria arrivò nel torneo 1973/74, sempre in terza serie (1-1 il punteggio): si giocò il 1 novembre del ’73 ma la gara era inizialmente prevista per la prima giornata, il 16 settembre, rinviata a causa dell’epidemia colerica. Nel tabellino dei marcatori il frusinate Massari e dal pari di Antonio Capone, ma segnò anche il debutto dell’allora diciannovenne Carmine Gentile.

COPPA ITALIA DI LEGA PRO 2013/2014 - FROSINONE-SALERNITANANuovo appuntamento tra le due compagini nella stagione 1974/75, un rigore di Colletta decise la gara in favore dei padroni di casa che retrocessero, però, a fine campionato. Bisognò dunque attendere il 4 ottobre 1987 per rivedere un confronto tra ciociari e granata, sempre in C: Angelo Crialesi su penalty portò avanti gli ospiti, ma il Frosinone ribaltò tutto con Bellini (anch’egli su rigore), Gaudino e il salernitano Pasquale Viscido. “A Salerno non me l’hanno mai perdonato”, ricorda sempre l’ex calciatore. Fu sconfitta per la Salernitana anche l’anno dopo (1-0 firmato Poli) che si concluse con un’ulteriore retrocessione dei gialloblù. Nel 2008/09 (con in campo la Salernitana Calcio della ‘palla di pezza’), su un campo ai limiti della praticabilità causa pioggia, Dino Fava e Maurizio Ciaramitaro regalarono il primo successo in terra ciociara (0-2, Castori in panca), mentre l’anno dopo la sciagurata squadra guidata dal duo Cerone-Grassadonia s’arrese a un gol del futuro granata Gennaro Troianiello (1-0). Era il 16 gennaio 2010.

Max Caputo con la maglia del Salerno Calcio in amichevole col Frosinone (foto Maffia)

Max Caputo con la maglia del Salerno Calcio in amichevole col Frosinone (foto Maffia)

Eccezion fatta per un’ininfluente amichevole tra Frosinone e Salerno Calcio nel ritiro estivo di Fiuggi nel 2011 (2-2), nella stagione 2013/14 la Salernitana andò per ben tre volte a calcare il terreno di gioco dello stadio Matusa: la prima in Coppa Italia Lega Pro per uno 0-0 davanti a pochi intimi con Perrone in panchina. I granata avrebbero poi vinto la competizione a fine stagione. Secondo pareggio – ma ben più focoso – in campionato, nel frattempo con Gregucci subentrato a guidare il team del cavalluccio: segnò Alessandro Volpe nel primo tempo per lo 0-1, poi il pareggio dei canarini con Daniel Ciofani nella ripresa. Al minuto ’89 sembrava fatta quando Gustavo Vagenin gelò i 7mila spettatori laziali che, tuttavia, riuscirono a gioire per il definitivo pareggio di Viola al quinto e ultimo minuto di recupero, con tanto di scaramucce in tribuna che videro protagonisti alcuni tifosi locali impegnati a sfogare la loro gioia in maniera poco ortodossa contro la stampa ospite, colpevole soltanto di aver raccontato precedentemente il gol di Gustavo. Infine, la gara dell’11 maggio 2014 che sancì l’eliminazione dai playoff promozione della Salernitana: accadde tutto nella ripresa con le marcature di Paganini e Carlini al 35′ e al 38′.

Infine, la gara della scorsa stagione. Era il 10 dicembre 2016 quando Alberto Bollini riuscì a condurre la squadra ad un clamoroso successo esterno (1-3): protagonista assoluto fu Massimo Coda con una doppietta nella ripresa. Aveva aperto le marcature Alessandro Rosina, poi Terracciano s’era gettato in porta il momentaneo pareggio propiziato da una traiettoria beffarda dell’ex Soddimo. Di seguito il tabellino dell’ultimo precedente in Ciociaria:

 

TABELLINO FROSINONE-SALERNITANA 1-3 (2016/17)

FROSINONE (4-4-2): Bardi; M.Ciofani, Brighenti, Ariaudo, Crivello (39′ st Volpe); Soddimo, Kragl, Sammarco, Paganini (40′ pt Frara); Cocco (29′ pt Csurko), Dionisi. A disp: Zappino, Pryyma, Mazzotta, Russo, Gucher, Preti. All.: Pasquale Marino.

SALERNITANA (4-3-3): Terracciano; Perico, Tuia, Bernardini, Vitale; Busellato, Ronaldo, Zito (14′ st Laverone); Rosina, Coda (45′ st Joao Silva), Improta (21′ st Caccavallo). A disp: Liverani, Mantovani, Franco, Donnarumma. All.: Alberto Bollini.

Arbitro: Sig. Eugenio Abbattista di Molfetta (Chiocchi/Prenna); IV uomo: Proietti.

NOTE. Marcatori: 13′ pt Rosina (S), 23′ pt aut. Terracciano (F), 23′ st e 39′ st Coda (S); Ammoniti: Soddimo (F), Busellato, Vitale, Tuia (S); Angoli: 7-3; Recupero: 4′ pt – 3′ st; Spettatori: 6894 di cui 709 da Salerno.

CONDIVIDI SU  teen pornoteen porn shemale porn
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Notizia precedente:
Notizia successiva:
teen porno
Fotocronache