Di Somma a Bussola24: “Salernitana, potevi fare di più. Sprocati? Quando ero a Benevento…”
CONDIVIDI SU 

BRU_8637Una cavalcata incredibile con il suo Benevento, poi il divorzio, forse inevitabile, dopo un girone d’andata disastroso in serie A. Salvatore Di Somma, esperto direttore sportivo che ha da pochi mesi lasciato il Sannio, negli ultimi anni è riuscito a togliersi diverse soddisfazioni, anche se il suo cammino in giallorosso avrebbe meritato un epilogo diverso. E così l’uomo mercato campano adesso ha tutto il tempo di andare in giro per gli stadi, osservando con particolare attenzione il campionato cadetto. Spesso in tribuna al Partenio di Avellino, Di Somma è stato invece pizzicato allo stadio Arechi sabato scorso, in occasione della gara tra Salernitana e Cesena. “Ho visto un’ottima Salernitana, mi hanno fatto una grandissima impressione. Tutta la squadra ha fatto una grande partita, soprattutto Rosina – ha detto Di Somma a Radio Bussola 24 – Da esterno spreca energie, ha una certa età, ma giocando tra le linee può fare la differenza. Ha qualità tecniche notevoli e in questa serie B, se sta bene fisicamente, può fare la differenza. A Sprocati manca continuità, io lo chiesi alla Salernitana in estate per portarlo a Benevento ma non lo hanno dato via. Mi inserii anche quando arrivò a Salerno, ma l’agente Giuffredi aveva già un accordo con la Salernitana. E’ un giocatore importantissimo, che ha qualità tecniche, gamba e sa far gol. Se avesse maggiore continuità sarebbe da serie A, senza dubbio”.

Sugli altri duelli di mercato con la Salernitana, invece, Di Somma dichiara: “Nessuna vittoria e nessuno smacco, con Fabiani ho ottimi rapporti e le due proprietà sono amiche. Lotito e Vigorito si stimano, non c’è stato mai nessuno smacco. Ci sono state delle trattative non condotte in porto magari, ma in quelle occasioni ognuno fa il proprio lavoro. Il rammarico due anni fa è stato proprio Sprocati, che a me è sempre piaciuto e continua a piacere. Campionato della Salernitana? Avrebbe sicuramente potuto fare qualcosa in più. Ha avuto un periodo negativo, però con le ultime prestazioni è ritornata in auge. Se avesse avuto un po’ di continuità in più adesso sarebbe in alto. Vedere la Salernitana in quella posizione mi rammarica, perchè ha una società forte economicamente ed un tifo incredibile. A gennaio hanno preso un allenatore che ha gran carisma ed esperienza, Colantuono è un ottimo tecnico. E chissà che l’anno prossimo non si punti a qualcosa di davvero importante. La società e la proprietà vogliono andare in serie A, per la multiproprietà ci sono diversi escamotage. Pensare di non voler andare in A è incredibile, non soltanto per gli introiti ma anche per il prestigio. Sono sicuro che Lotito e Mezzaroma vogliono andare in serie A”.

Assai simpatica la chiosa finale dell’ex direttore sportivo di Avellino e Benevento, che ebbe modo di portare in Irpinia Stefano Colantuono, all’epoca ancora calciatore: “Ricordo che io ero il direttore sportivo dell’Avellino e portai Colantuono in Irpinia. Feci un grandissimo errore – ricorda sorridendo – perché come giocatore era mediocre. Scherzo, ma lo faccio perché a lui sono molto legato”.

CONDIVIDI SU  teen pornoteen porn shemale porn
Tags: , , , , , , , , , , , , ,
Notizia precedente:
Notizia successiva:
teen porno
Fotocronache