Magliocco a Bussola24: “Palermo, più morale con Stellone. A Salerno per mentalizzarsi su playoff”
CONDIVIDI SU 
Magliocco esulta dopo un gol in granata (foto Bruno Maffia/Sportphoto)

Magliocco esulta dopo un gol in granata (foto Bruno Maffia/Sportphoto)

Correva l’anno 2005, la Salernitana era in procinto di ripartire dopo il fallimento della gestione Aliberti e grazie al lodo Petrucci riusciva a trovare posto in serie C. Nel corso di quella travagliata estate fu totalmente rivoluzionata la squadra e, all’ombra dell’Arechi, fece capolino Roberto Magliocco. All’epoca 27enne, il bomber palermitano veniva da buone stagioni disputate con le maglie di Nocerina e Sora ed accettò senza troppi giri di parole la corte della neonata creatura granata, restandoci per tre stagioni ed instaurando un bel rapporto con la piazza e la tifoseria. Vien da sè che la gara in programma venerdì sera tra Salernitana e Palermo, per Magliocco, sarà un po’ diversa da tutte le altre. Lui che è siciliano doc e tecnico nel settore giovanile rosanero: “Palermo è una città calorosa cosi come lo è Salerno. La squadra doveva vincere il campionato ed andare in Serie A direttamente ma qualcosa è andata male – esordisce Magliocco a Radio Bussola 24 –  Ora è arrivato Stellone, che ha restituito qualcosa soprattutto dal punto di vista del morale. Speriamo bene, venerdì mi aspetto una gran partita col Palermo che verrà a Salerno per vincere. Ma sappiamo bene che all’Arechi non è mai facile. A Salerno il pubblico è spettacolare, mentre oggi la città di Palermo è un po’ nervosa perchè ha steccato la promozione diretta. In generale mi sento di augurare il meglio ad entrambe le società. Ora nell’ultima gara può succedere di tutto ma io ci credo poco alla promozione diretta. Per i playoff bisognerà mentalizzarsi, al di là del valore tecnico la differenza la farà la testa dei calciatori. Dall’inizio dell’anno ne ho sentite di tutti i colori, però Zamparini nelle varie sedi ha sempre messo tutto in ordine. Non so cosa succederebbe nel caso in cui non dovessimo andare in serie A, però ho fiducia in Zamparini e sono sicuro che tutto si concluderà nel migliore dei modi. La Salernitana ha avuto risultati altalenanti, però ero convinto potesse giocarsi i playoff. Non so cosa sia successo, né conosco i meccanismi interni. Però i giocatori di qualità la Salernitana li ha ed è un peccato vederla lì. Montalto? Beh, è un calciatore forte, affermato, i numeri parlano chiaro; se dovesse arrivare, credo potrebbe dare una grande mano alla Salernitana”.

In chiusura, il passato in granata: “Sono stato benissimo a Salerno, è la mia seconda casa e i tifosi sono stupendi. Merita la serie A, è una città stupenda. Il mio gol più bello credo sia stato quello al Genoa. Fu emozionante, credevamo in qualcosa ma purtroppo non riuscimmo a coronare il nostro sogno. Squadre B? E’ un meccanismo che cambia sempre. Io lavoro con i giovani e mi auguro che si trovi un’intesa, perché ogni anno vengono fuori alcuni discorsi. Bisogna fare scelte dalle quali tutti possano trarre benefici. 

CONDIVIDI SU  teen pornoteen porn shemale porn
Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Notizia precedente:
Notizia successiva:
teen porno
Fotocronache