Parma, ombre sulla promozione? Sms sospetti prima della gara a La Spezia, Figc apre inchiesta
CONDIVIDI SU 
_DSC3199La Procura Federale della Figc ha aperto un’inchiesta su Spezia-Parma, partita dell’ultima giornata del campionato cadetto terminata 0-2 che ha consentito ai ducali di essere promossi in massima serie, grazie anche al pareggio contemporaneo in extremis del Foggia a Frosinone. Al centro dell’indagine ci sarebbero due sms sospetti inviati dai parmensi Ceravolo e Calaiò (ex Spezia) ad alcuni calciatori nell’organico ligure nei giorni antecedenti alla disputa della gara. Nei messaggi, secondo indiscrezioni riportate da organi di stampa nazionali, ci sarebbero stati inviti criptici a non metterci troppo impegno nella difesa della propria porta, anche in virtù delle differenti motivazioni.
Gli 007 federali hanno già operato i primi “interrogatori” del caso, convocando a Roma i calciatori bianconeri Filippo De Col e Alberto Masi (il primo in campo nel match incriminato, il secondo rimase invece in panchina), nonchè i dirigenti spezzini Leonar Pinto (team manager e responsabile comunicazione) e Luigi Micheli (amministratore delegato).
Il fascicolo è stato aperto, le indagini sono in fase istruttoria e la vicenda – prima di classificare o meno l’episodio come illecito sportivo o quantomeno tentativo – andrà debitamente approfondita per conoscerne lo spessore. Quel che è certo, è che sulla promozione in A del Parma iniziano a sorgere delle ombre che potrebbero destare il Frosinone, che ha terminato a pari punti proprio con gli emiliani, inducendo il club di Stirpe a divenire spettatore più che interessato della vicenda. Frattanto, i ciociari sono impegnati nei playoff. Un eventuale processo sportivo anche solo per responsabilità oggettiva potrebbe mettere a rischio la promozione del Parma. Si attendono gli esiti delle indagini.
CONDIVIDI SU  teen pornoteen porn shemale porn
Notizia precedente:
Notizia successiva:
teen porno
Fotocronache