Home News Personalità e spregiudicatezza: il nuovo Sudtirol di Stefano Vecchi

Personalità e spregiudicatezza: il nuovo Sudtirol di Stefano Vecchi

Focus sul Sudtirol di Stefano Vecchi, prossimo avversario della Salernitana nel secondo turno ad eliminazione diretta della Coppa Italia

442
0
Stefano-Vecchi
(Fonte: Rainews)
Tempo di lettura: < 1 minuto

Archiviate, con due successi, le prime due gare ufficiali della stagione, l’FC Südtirol si accinge a disputare la gara valida per il secondo turno ad eliminazione diretta della Coppa Italia contro la Salernitana. I biancorossi guidati dall’ex Venezia Stefano Vecchi, dopo aver superato il primo turno di Coppa battendo il Sassari Latte Dolce per 2-1, si sono imposti, con lo stesso risultato, anche nella prima gara di campionato al “Benelli” di Ravenna. Risultato, tra l’altro, modificato in 0-3 quest’oggi dal giudice sportivo in quanto, tra i padroni di casa ravennati, era regolarmente in campo l’ex Avellino Benjamin Mokulu che, però, avrebbe dovuto scontare una giornata di squalifica comminatagli al termine della scorsa stagione.

Cambiati i numeri, ma non la sostanza. Gli altoatesini, infatti, nelle prime due uscite stagionali, hanno mostrato un buon palleggio e, soprattutto, una buona personalità. Stefano Vecchi, ex trainer del Venezia e della Primavera dell’Inter, ha finora disposto i suoi con un propositivo 4-3-1-2. Punti fermi della squadra, l’esperto difensore ex Lecce Kevin Vinetot e l’ex Primavera della Roma Leandro Greco, oltre al fantasista “figlio d’arte” Daniele Casiraghi.

Una squadra, nel complesso, da non sottovalutare, considerando (soprattutto) i problemi di amalgama all’interno del roster granata, ancora ben lontano dall’essere completo in tutti i reparti. Si prospetta, dunque, una gara sostanzialmente equilibrata, vista anche la gran voglia di mettersi in mostra della “Banda Vecchi”.

Articolo precedenteSalernitana-Sudtirol, i convocati di Castori: ok Capezzi, out Fella
Articolo successivoSalernitana, nessun caso di positività all’interno del gruppo: la nota ufficiale del club
"Chiodo fisso nella mente, innamorato perdutamente". Questa è la frase che, più di tutte, descrive appieno cosa sia per me la Salernitana. Un tifoso, prima che un giornalista, che ha sempre vissuto, e vive tutt'ora, per i colori granata. Dal maggio 2018, ho deciso di intraprendere la strada, impervia e tortuosa, del giornalismo, entrando a far parte della redazione di "Le Cronache", di cui mi fregio di farne parte ancora oggi. Dal settembre di quest'anno, dopo un anno di collaborazione con gli amici, prima che colleghi, di Salernosport24, sono entrato a far parte della bella famiglia di SoloSalerno.it, con lo scopo di raccontare, con onestà intellettuale ed enorme impegno, le vicende legate alla nostra, mitica "Bersagliera". Sarà un piacere, ma soprattutto un onore, poter mettere al vostro servizio la passione di una vita.