Home Editoriale Da Verona… a Verona: Lombardi in cerca di vendetta

Da Verona… a Verona: Lombardi in cerca di vendetta

Focus su Cristiano Lombardi e la sua voglia di rivalsa dopo il brutto infortunio rimediato, al Bentegodi contro il ChievoVerona, otto mesi fa

249
0
Lombardi-Salernitana
Fonte: Seriebnews.com
Tempo di lettura: 2 minuti

Tre mesi da assoluto protagonista… fino alla serata da dimenticare di Verona dello scorso febbraio. Quella del Bentegodi, per Cristiano Lombardi, non sarà una gara come tutte le altre. Una gara che, gioco forza, rievocherà i fantasmi di un passato, relativamente prossimo, e che lo ha visto uscire dall’impianto veronese in sedia a rotelle e con le lacrime agli occhi. Una scena ancora ben impressa nella mente dei supporter granata, che fin dal prime battute avevano riposto in lui tutte le (residue) speranze promozione.

Nella stagione da poco conclusa, quando è stato possibile vederlo all’opera, Lombardi è stata l’arma in più dell’arsenale, per lo più incompleto e male organizzato, di Gian Piero Ventura. Con lui in campo, la Salernitana sembrava aver ingranato quella marcia in più praticamente inesistente nelle quattro stagioni precedenti. L’ala destra di proprietà della Lazio, di fatto, ha trascinato con sé i compagni a suon di gol, passaggi vincenti e prestazioni da incorniciare, rivelandosi l’unico, vero “top player” della “Banda Ventura”. Peccato, però, che i suoi muscoli di “cristallo” ne abbiano spesso compromesso la presenza in campo. Dal ritorno alle ostilità dopo il lockdown, infatti, il secondo grave infortunio rimediato nella trasferta di Crotone, ha posto definitivamente la parola fine ai sogni di gloria dei tifosi.

Quest’anno, visto il marasma generale causato dal solito, acclarato modus operandi della proprietà, il suo ritorno a Salerno è passato quasi inosservato. Ritorno inizialmente neanche previsto, considerato l’interessamento nei suoi confronti, mai concretizzato, di alcune compagini di Serie A. Nella gara di ieri contro il Sudtirol, comunque, Lombardi è tornato a respirare l’aria dell’Arechi, anche se per soli 45′, dopo due mesi e mezzo. Difficile, a questo punto, che mister Castori possa riproporlo dal primo minuto anche al Bentegodi. In ogni caso, siamo sicuri che il numero 87 granata si farà trovare pronto per cercare di sfatare il tabù, suo e della squadra, Bentegodi. Con la speranza, magari, di riaprire il ciclo bruscamente interrotto otto mesi fa.