Home Prima Squadra Karo: titolare in Nazionale, riserva “scomoda” in granata

Karo: titolare in Nazionale, riserva “scomoda” in granata

Focus su Antreas Karo. I dubbi sul suo eventuale impiego nella Salernitana targata Fabrizio Castori, sempre più orientato verso un altro tipo di scelte

426
0

Nella numerosa lista di prestiti provenienti dalla casa madre, ben otto in un sol colpo, figura, per il secondo anno consecutivo, anche Antreas Karo. Il 24enne difensore cipriota, punto fermo nella prima parte di stagione della Salernitana targata Gian Piero Ventura, quest’anno non sembra occupare un ruolo di rilievo nelle gerarchie di Castori. A dire il vero, successivamente all’arrivo di Aya, già con Ventura l’ex Apollon Limassol ha visto vacillare la sua titolarità. In ogni caso, lo score complessivo in maglia granata parla di 29 presenze condite da una rete e un assist. Un bottino, in fin dei conti, di tutto rispetto, specie considerando le non poche difficoltà incontrate dal reparto difensivo orchestrato dall’ex CT della Nazionale. Ordinaria amministrazione, si direbbe, soprattutto per un titolare fisso della Nazionale cipriota, tra l’altro sceso in campo per 61 minuti nella gara di ieri, persa per 2-0, contro il Lussemburgo.

Con il sempre più probabile passaggio definitivo alla difesa a 4, Fabrizio Castori ha l’imbarazzo della scelta in termini prevalentemente numerici, con 6 potenziali titolari per due maglie nel ruolo di centrale. Mantovani a parte, le cui condizioni restano da valutare dopo il lungo periodo di inattività, l’ex trainer del Carpi ha a disposizione Gyomber, Aya, Bogdan, Veseli e, appunto, Antreas Karo. La sensazione è che, allo stato attuale, il difensore cipriota parta addirittura da quinta scelta. Il numero 16 granata, infatti, fin dai primi giorni di ritiro non sembra aver stuzzicato più di tanto la fantasia del tecnico, orientato verso la scelta di centrali più fisicamente dotati. Risulta, a questo punto, molto più verosimile un suo eventuale impiego da vice Casasola sulla corsia di destra, sebbene con caratteristiche totalmente diverse dal fluidificante argentino.

Uno strano destino, dunque, per il buon Antreas, per il quale la coppia LotitoTare, originariamente, aveva in serbo tutt’altro tipo di percorso. Per un breve lasso di tempo, infatti, Karo ha persino assaporato l’aria di Formello dopo gli infortuni di Luiz Felipe e Vavro e la possibile cessione di Bastos. Penuria di centrali biancocelesti che, però, è risultata soltanto momentanea, soprattutto dopo il ritorno di Hoedt. Di qui, di conseguenza, il “terzo” ritorno a Salerno a mo di pacco celere, con diversi dubbi trascinati con sé. Negli ultimi giorni di mercato, per liberare un posto nella casella degli over, il direttore Fabiani ha provato addirittura a cederlo al Pescara, ma senza successo. Ora è tutto nelle mani, o per meglio dire nei piedi, del centrale cipriota, chiamato a convincere Castori per ritagliarsi uno spazio importante nella Salernitana che verrà.

Articolo precedenteI consigli di Raffaella: LE POLPETTINE DI MELANZANE
Articolo successivoLazio e Salernitana, se Atene piange Sparta non ride
"Chiodo fisso nella mente, innamorato perdutamente". Questa è la frase che, più di tutte, descrive appieno cosa sia per me la Salernitana. Un tifoso, prima che un giornalista, che ha sempre vissuto, e vive tutt'ora, per i colori granata. Dal maggio 2018, ho deciso di intraprendere la strada, impervia e tortuosa, del giornalismo, entrando a far parte della redazione di "Le Cronache", di cui mi fregio di farne parte ancora oggi. Dal settembre di quest'anno, dopo un anno di collaborazione con gli amici, prima che colleghi, di Salernosport24, sono entrato a far parte della bella famiglia di SoloSalerno.it, con lo scopo di raccontare, con onestà intellettuale ed enorme impegno, le vicende legate alla nostra, mitica "Bersagliera". Sarà un piacere, ma soprattutto un onore, poter mettere al vostro servizio la passione di una vita.