Home Storie Una vita da attore… e da Ultrà granata: Ciro Girardi si racconta

Una vita da attore… e da Ultrà granata: Ciro Girardi si racconta

Intervista all'attore salernitano Ciro Girardi. Le opinioni e i ricordi sulla "Bersagliera" e sul delicato momento attraversato dagli artisti

1183
0
Ciro Girardi
Tempo di lettura: 3 minuti

Con l’Italia ferma, tra restrizioni e decreti più o meno rispettati, il teatro è uno dei settori che maggiormente soffre lo stato di “chiusura” quasi totale. Sipario calato fino a data da destinarsi, con festival, spettacoli e laboratori teatrali annullati in tutta la nazione. Chiusura forzata, dopo l’aumento esponenziale dei contagi, giunta, ironia della sorte, proprio nel momento clou dell’anno, ossia in piena composizione dei cartelloni invernali. Uno stop che renderà impossibile raggiungere il minimo di repliche, di numero di spettatori e di giornate lavorative. Questo, in soldoni, lo stato del Teatro al tempo del COVID-19, con il disagio, ormai sempre più crescente, di attori, registi, tecnici e delle varie maestranze dell’arte del palcoscenico. In più, è bene sottolineare che, a prescindere dai danni economici che gioco forza sarà costretto a fronteggiare, per un attore c’è da combattere anche la cosiddetta “astinenza” da palcoscenico. Il tutto, come se non bastasse, tra l’indifferenza generale di chi relega, consapevolmente o meno, qualsiasi forma di intrattenimento alla condizione di superflua, non essenziale.

Tra i vari artisti salernitani impossibilitati a svolgere il proprio lavoro c’è anche Ciro Girardi, attore di teatro e volto noto in città anche per le varie partecipazioni sul piccolo schermo “nostrano”… e non solo. Da sempre, per lui, l’amore per l’arte e per la Salernitana viaggiano di pari passo. Un filo conduttore che lega, in buona sostanza, le sue due passioni di una vita.

Ciao Ciro. Innanzitutto, come giudichi la Salernitana di quest’anno? Può essere l’anno giusto per “uscire dall’anonimato”?

«Pur non avendola mai vista dal vivo, ma soltanto in Tv, devo dire che a me piace come gioca. Più che uscire dall’anonimato, comunque, dovremmo uscire da altre situazioni. Io sono della generazione del “Quest’anno è Serie B”, e puntualmente non si riusciva. Dunque, pronunciare la prima lettera dell’alfabeto, per me, è uno “sforzo” troppo grande. Senz’altro, però, questa squadra può raggiungere tranquillamente i play-off. Ripeto, credo che principalmente dovremmo uscire da certe situazioni che non ci permettono di sognare.»

Di te, a Salerno, si ricordano anche le partecipazioni alle trasmissioni “C. N. P.” e “Zeresimo minuto”. Un filo conduttore, in buona sostanza, che ha sempre legato l’arte con la Salernitana…

«Quella è stata un’avventura bellissima. Il primo C.N.P nasce con la Salernitana del ’96, quando il compianto Masinga ci regalò la salvezza con il suo gol al Castel di Sangro. Noi prendevamo spunto dalla Salernitana, sostanzialmente, per divertirci. All’epoca era tutto diverso. Si parlava molto di più di Salernitana nelle Tv private rispetto ad oggi. Ora abbiamo altri mezzi. C’è internet, seguiamo i social. Prima le “voci” erano poche, e si cercava di “prendere in giro” gli allenatori e i calciatori dell’epoca che, onestamente, erano anche più particolari di quelli attuali.»

Tra l’altro, fin dalla nascita del club, hai fatto parte dei “Toi Fipao”, uno dei gruppi ultras più importanti della storia granata. Segno evidente che la Salernitana, per te, è ben più di una semplice passione…

«Beh sì, sono stato sempre tifoso della Salernitana. La prima partita che ho visto è stata, in occasione del cinquantesimo anniversario della squadra, Salernitana-Milan al Vestuti nel ’69. Fu un’amichevole organizzata in onore dei primi cinquant’anni di storia con il Milan che, all’epoca, veniva dalla vittoria della Coppa dei Campioni con Prati e Rivera. Avevo tre anni e ricordo che mi misi a piangere con mio padre perché volevo andare a vedere la partita a tutti i costi. Da quel momento non ho mai smesso di seguirla.»

Ritornando al tuo lavoro. Come stai vivendo questo difficile momento di chiusura forzata dei teatri?

«Male, soprattutto perchè ti viene la tentazione di fare altre cose e abbandonare questo lavoro perché è sempre meno sicuro. In realtà, il teatro è sempre stato in crisi, ma la chiusura ha spento anche il lumicino che ci permetteva di restare in vita. Questi sono momenti brutti, perché l’attore cerca di trovare strade diverse.»

Hai dei progetti in cantiere per il prossimo futuro?

«Andare a guardare i cantieri, anche perchè l’età avanza. Scherzi a parte, ultimamente ho realizzato uno spot istituzionale molto carino per il Comune di Rutino, intitolato “Rutino in Cilento”. Altri progetti, purtroppo, non ce ne sono. Sono in attesa che, finalmente, possano riaprire i teatri.»

SPOT – RUTINO IN CILENTO con Ciro Girardi

© solosalerno.it – tutti i diritti riservati. È vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

Articolo precedenteOcchio alla deludente Cremonese di Bisoli
Articolo successivoLa bolletta scostumata, quella che è meglio se vi sparagnate
"Chiodo fisso nella mente, innamorato perdutamente". Questa è la frase che, più di tutte, descrive appieno cosa sia per me la Salernitana. Un tifoso, prima che un giornalista, che ha sempre vissuto, e vive tutt'ora, per i colori granata. Dal maggio 2018, ho deciso di intraprendere la strada, impervia e tortuosa, del giornalismo, entrando a far parte della redazione di "Le Cronache", di cui mi fregio di farne parte ancora oggi. Dal settembre di quest'anno, dopo un anno di collaborazione con gli amici, prima che colleghi, di Salernosport24, sono entrato a far parte della bella famiglia di SoloSalerno.it, con lo scopo di raccontare, con onestà intellettuale ed enorme impegno, le vicende legate alla nostra, mitica "Bersagliera". Sarà un piacere, ma soprattutto un onore, poter mettere al vostro servizio la passione di una vita.