Home News Tutino ed Anderson di altra categoria. Solidi Mantovani e Gyomber

Tutino ed Anderson di altra categoria. Solidi Mantovani e Gyomber

773
0
Tempo di lettura: 3 minuti

BELEC 6: primo tempo di ordinaria amministrazione, nel secondo tempo soffre quando vede materializzarsi davanti Bhalouli ma non deve intervenire

BOGDAN 5,5: si lascia anticipare su corner da Tiritiello, il cui colpo di testa non trova la porta. Poco reattivo anche sul taglio di Baez che calcia fuori. Più solido nella ripresa, anche se sbaglia i tempi d’intervento su Bahlouli guadagnando un’ammonizione. Si addormenta nel finale su Petre, ma si riscatta subito dopo con un tackle a centro d’area che stoppa un insidioso cross cosentino.

GYOMBER 6,5: sporca in maniera decisiva la deviazione aerea di Baez, scala bene sull’esterno e presidia con sicurezza l’area, tranne quando svirgola un potente cross proveniente da sinistra. Poi ritorna ad essere puntuale ed energico negli interventi. Canovaccio che rispetta anche nei secondi quarantacinque minuti.

MANTOVANI 6,5: impreciso inizialmente in fase di palleggio, reattivo nelle chiusure laterali e provvidenziale quando oppone il corpo e stoppa la conclusione di Carretta. Nel secondo tempo, pur apparendo in debito d’ossigeno, non sbaglia nulla.

KUPISZ 5,5: perde una palla sanguinosa che innesca un pericoloso contropiede del Cosenza, soffre il protagonismo di Vera Ramirez e mai si vede nella trequarti avversaria. Secondo tempo disciplinato in fase difensiva e di tanto in tanto si fa vedere anche in fase attiva, pur palesando scarsa lucidità.

DZICZEK 6: dopo pochi minuti becca un giallo evitabile che finisce inevitabilmente per condizionarlo e fargli disputare una gara oculata. Però ha il merito di rubar palla e innescare il contropiede che Anderson sciupa con una duplice conclusione inefficace. Guadagna autostima e compie di due interessanti inserimenti, uno dei quali respinto di piede da Falcone. Secondo tempo di gestione 62 SCHIAVONE 6: ordinario e disciplinato lavoro di contenimento

DI TACCHIO 5,5: fa sentire immediatamente i tacchetti a Bahlouli, sul quale soffre quando gravita dalle sue parti. Spesso parte a supporto degli attaccanti troppo frettolosamente e finisce per esporre la squadra alle ripartenze rossoblu. Impreciso in regia, perde due palloni a metà campo, finendo per subire un cartellino giallo e innescare la ripartenza cosentina. Nel finale non molla e gioca di mestiere

A.ANDERSON 6,5: impiega la prima parte del match per trovare la giusta posizione, prima di calciare dai venti metri e trovare la deviazione decisiva di uno stinco cosentino. Cerca il fraseggio, lo spunto ma non riesce ad incidere, anzi, sciupa una ghiotta opportunità calciando prima addosso a Falcone e fuori sulla respinta del portiere. Si ripete qualche minuto più tardi, quando è incontenibile nella percussione ma anche leggero sul tiro respinto facilmente dal portiere di casa. Splendido l’assist che lancia Tutino verso il gol del vantaggio granata. 73 CAPEZZI 6: vedi Schiavone: bisogna far legna e lui non si tira indietro

CASASOLA 6: ottimo l’assist di testa per Tutino sugli sviluppi di un corner, ma la punta partenopea calcia alto da buona posizione. A sinistra cerca di proporsi ma a piede invertito non riesce ad essere esplosivo, mentre in fase difensiva alterna qualche buona chiusura ed alcune letture tattiche approssimative. Nel finale frena l’ultimo disperato tentativo offensivo dei padroni di casa.

TUTINO 7: parte motivato e vivace, ma sciupa un’occasione importante calciando alto sulla traversa. E’ vivo, attacca lo spazio ed offre un ottimo assist ad Anderson che spreca tutto, prima di ripetersi lanciando Dziczek verso la porta silana. Ad inizio ripresa il colpo di genio, quando detta la verticalizzazione ad Anderson, scarta il portiere e deposita il pallone in porta con freddezza. Conclude in bellezza con un’accelerazione che fa espellere Ba. Mezzo voto in meno per la palla persa ingenuamente che quasi procura il pari dei locali. 85 CICERELLI s.v.

DJURIC 5,5: un colpo di testa quasi vincente ad inizio ripresa vivacizza un primo tempo in ombra, poi la solita partita a base di spizzate e sportellate, con risultati alterni. 85 GONDO S.V.

ALL. CASTORI 6,5: cambia lo spartito tattico, non l’atteggiamento della squadra che si difende compatta ed attende il momento giusto per colpire di rimessa con la qualità di Anderson e Tutino

Articolo precedenteTutino “core ‘ngrato”, Cosenza-Salernitana 0-1. Bersagliera capolista solitaria
Articolo successivoCosenza-Salernitana, Tutino a DAZN: “Al gol mi sono emozionato, vincere non era facile”