Home News L’Empoli sbanca Brescia e tiene il passo della Salernitana. Vittoria sofferta per...

L’Empoli sbanca Brescia e tiene il passo della Salernitana. Vittoria sofferta per il Lecce. Balzo in classifica del Monza.

In coda prima vittoria in campionato per l'Entella. Esordio con vittoria per Sottil, neo tecnico dell'Ascoli.

183
0
Tempo di lettura: 3 minuti

La Salernitana consolida il suo primato in classifica nonostante la vittoria dell’Empoli al “Rigamonti” contro un Brescia ancora alla ricerca di continuità di risultati. I toscani si impongono per 3-1 senza faticare più di tanto. La squadra toscana ha sempre avuto il controllo della partita passando in vantaggio con Haas dopo dodici minuti. L’Empoli raddoppia sul finale di primo tempo con La Mantia che ribadisce in rete un pallonetto finito sulla traversa. Il Brescia riapre il match grazie ad un rigore (molto generoso) concesso da Ros per un fallo su Spalek. Torregrossa non sbaglia dal dischetto. Nella ripresa il Brescia non capitalizza la mole di gioco prodotta e l’Empoli ne approfitta per chiudere la partita. Ros concede un altro rigore dubbio per un fallo del portiere Joronen su Moreo. In realtà il portiere lombardo prende prima il pallone. Dal dischetto Mancuso centra il palo ma la palla va sui piedi di Parisi che confeziona l’assist per lo stresso Mancuso che batte sotto misura Joronen.

In testa i risultati arridono ai granata di mister Castori che mercoledì affronteranno il Monza in trasferta. In pratica, tra le squadre di testa vince solo il Lecce non senza soffrire. I salentini sono riusciti a battere un coriaceo Vicenza che era riuscito anche a passare in vantaggio nel primo tempo con Marotta. Nella ripresa, però, i giallorossi di mister Corini hanno fatto valere la qualità dei singoli riuscendo a ribaltare la partita che è terminata sul risultato di 2-1. Sono bastati tre minuti al lecce per ribaltare il risultato grazie alle reti di Mancosu e Pablo.

Dei tanti passi falsi delle squadre di testa ne approfitta il Monza che espugna lo “Zini” di Cremona e mette nei guai i grigiorossi di Bisoli, la cui panchina è fortemente a rischio. Braida potrebbe decidere il sostituto nelle prossime ore. Due a zero il risultato per i brianzoli che salgono al terzo posto in classifica. Subito in discesa la gara del Monza che passa al 14′ con Barillà. Il raddoppio nella ripresa al minuto 75 con Frattesi che approfitta di una colossale ingenuità della difesa cremonese. Mercoledì big match al “brianteo” tra la squadra di Brocchi e la Salernitana capolista

Brutto passo falso della Spal che esce sconfitta al “Del Duca” di Ascoli. Il neo tecnico dei bianconeri Sottil (subentrato all’esonerato Delio Rossi) conquista tre punti importanti contro una candidata alla promozione in A. Di Sabiri le due reti ascolane. La prima è stata un autentico capolavoro balistico direttamente su calcio di punizione mentre nella seconda, il calciatore bianconero ha capitalizzato al meglio una ripartenza.

Un Frosinone letteralmente decimato dal Covid riesce a pareggiare con il Pordenone. I ciociari si sono presentati allo “Stirpe” con 14 calciatori a referto senza avere la possibilità di giocarsi il bonus rinvio. Si decide tutto nella ripresa con il Pordenone che passa in vantaggio con un colpo di testa di Diaw sugli sviluppi di un calcio di punizione. A sette minuti dalla fine il Frosinone compie l’impresa del pareggio. In gol Parzyszek che risolve una mischia in area di rigore.

In coda sorprende la vittoria dell’Entella per tre a zero ai danni del Pescara che interrompe la mini serie positiva. Di comtro, l’Entella trova la prima vittoria in assoluto in questo campionato. Di Schenetti, De Luca e Cardoselli le reti del successo. Lo stesso De Luca, nel primo tempo, ha sbagliato un rigore.

Cosenza e Pisa si dividono il bottino. Uno a uno il risultato con reti di Bahloui per il Cosenza e Gucher al 79′ per il Pisa. Il Pisa ha sbagliato un calcio di rigore con Vido dopo soli sei minuti dal fischio d’inizio. I silani restano in zona play out mentre il Pisa si piazza a quattro punti dalla zona play off.

Sempre in coda, importante successo in trasferta per la Reggina che espugna il Mapei Stadium. I calabresi vincono con merito contro una Reggiana svogliata. La Reggina avrebbe potuto segnare già nel primo tempo ma l’impresa è riuscita solo a due minuti dalla fine del match. Prima del gol l’espulsione per fallo da ultimo uomo di Stavropoulos. Al minuto 88 è toccato a Bellomo siglare il gol del pari. Curiosa la circostanza che ha portato al gol: lo stesso Bellomo ha ribadito in gol un suo tiro finito precedentemente sul palo. La Reggina, però, non abbandona la zona play out ma il successo fa ben sperare per il futuro.

© solosalerno.it - tutti i diritti riservati. È vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.