Home Editoriale Foto per capire questo 2020

Foto per capire questo 2020

È una raccolta di foto, di persone che hanno cercato di lasciare una traccia mettendoci la faccia.

374
0
Tempo di lettura: 3 minuti

Io ho una passione per lo scatto fotografico: quello fatto dagli altri e quelli fatti da me (con risultati, beh, lasciamo stare). 

È una raccolta di foto, di persone che volente e nolente hanno cercato di lasciare una traccia mettendoci la faccia.

Lewis Hamilton

Uno che è sceso in piazza a fare le manifestazioni del BLM. Ha voluto ricordare sulle scocche della sua macchina che ci sono persone con lo stesso colore di pelle che non hanno avuto lo stesso culo che ha avuto lui. Che ci sono persone che sono morte per mano di poliziotti o di suprematisti bianchi.

Pau Gasol 

Questa bambina ha avuto la visita dello zio acquisito. Suo Zio già si era fatto notare per altre cose fuori dal campo di basket.

Quel giorno di luglio Zio Pau ha deciso di festeggiare il suo compleanno a casa di un amico con le sue figlie.

Peccato che il proprietario di quella casa non c’era perché un maledetto incidente in elicottero l’ha portato via.

Mark Cuban

Delonte West era una stella del Nba. Si è bevuto e pippato tutto il conto in banca ed era finito in strada e in manette.

Colpa di una sindrome bipolare che lo ha fatto toccare il fondo.

Alla notizia un ex uagliunastro che la strada la conosceva bene comincia a girare dove poteva trovarlo. Lo becca e lo porta via.

Delonte West è stato cercato dal suo vecchio proprietario che qualcuno soldino ce l’ha. Si chiama Mark Cuban  e oltre ad essere proprietario di molte società di software è fedele ad un suo motto: Io non lascio indietro chi mi ha fatto felice.

Lo porta a disintossicarsi in un ospedale a sue spese. Risultato:

It’s still an uphill battle, but he is climbing !

Fußball-Club Bayern München

Ah c’è pure il calcio:
Si di solito vincono i tedeschi.

Mentre chi non vinceva il campionato da anni ha dovuto festeggiare chiuso in casa.

Liverpool Football Club

Il migliore dell’anno:
Adam Silver commisioner dell’Nba

Perché si è inventato la bubble ad Orlando, ha difeso le scelte dei giocatori di colore quando hanno deciso di non scendere in campo per difendere chi non era nella bolla e veniva ancora vessato dalla polizia.

Ha fatto girare un mare di soldi, ha fatto in modo che l’attenzione mediatica sia rimasta alta nonostante tutto.

Risultato: Zero focolai Zero contagiati.

Il peggiore:
lui

Per spiegare l’italiano medio non servono parole.

© solosalerno.it - tutti i diritti riservati. È vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.