Home Storie Mamadou Coulibaly, un calderone di sogni: dal Senegal a Salerno

Mamadou Coulibaly, un calderone di sogni: dal Senegal a Salerno

Cartoline dal continente nero: dal Senegal alle falde del Castello di Arechi. Mamadou, nonostante la giovane età, ne ha inanellati sacrifici, ne ha percorsa di strada per arrivare a vestire il granata.

574
0
Foto: Sito Ufficiale Salernitana
Tempo di lettura: 2 minuti

Ci troviamo in Africa Settentrionale, precisamente in Senegal, lì dove la bandiera è tinteggiata da colori vivaci e panafricani: verde, giallo, rosso e con al centro una stella. Parliamo del Paese del sorriso, lì dove, nonostante la realtà locale sia distante anni luce dal panorama occidentale, regna sovrana la capacità di attingere dalla semplicità la forza d’animo che, tende a voler migliorare la difficile quotidianità.

Quella di Mamadou Coulibaly è una storia commovente, verniciata da colori scuri, intrisa di sacrificio e caratterizzata da tanto coraggio. Figlio di un professore di educazione fisica –  per il numero 2 granata – la passione per lo sport è stata, meticolosamente, alimentata e curata sin dalla tenera età.

Tra pratica e teoria, Mamadou ha sempre sognato in grande. Come ogni obiettivo che ci si pone, la strada irta di ostacoli, volta al raggiungimento del traguardo, è ineludibile, ma, quando la voglia di arrivare è più forte degli impedimenti, tagliare il nastro – alla fine della corsa – ha un sapore decisamente migliore, più bello e soddisfacente.

Un viaggio intercontinentale quello di Coulibaly che, ha dovuto lasciare il suo Paese d’origine per cercare fortuna altrove. Dal Senegal al Marocco, dal Marocco alla Spagna tramite un barcone, dentro il quale, sono state traghettate, al di là delle varie individualità, soprattutto tante speranze e altrettanti sogni che, miravano ad un futuro più roseo.

Dopo non poche peripezie il giovane senegalese è giunto in Italia, luogo in cui la vita non gli ha sorriso nell’immediato.  La sua è stata un’importazione di valore, ma, solo dopo tanta tensione e riuscito a trovare una degna collocazione.

Poco più che adolescente, – disorientato in un nuovo mondo – senza arte né parte, si vedeva costretto a chiedere ospitalità a parenti e propri connazionali.

Volenteroso e fiducioso decise di giocarsi quella che da sempre riteneva potesse essere una carta vincente: il calcio. Il manto erboso, l’immensità di uno stadio, da sempre erano stati il chiodo fisso del nuovo membro della Salernitana.

Decise, così, di provare ad entrare concretamente nella dimensione dei suoi sogni. I primi provini per iniziare a giocare a calcio li fece nel Cesena e nel Sassuolo, ma, entrambi i club decisero di non tesserarlo.

Solamente nella stagione 2016/2017 venne aggregato alla società abruzzese del Pescara con regolare tesseramento. Ebbe da subito la possibilità di giocare nella primavera della prima squadra, in cui mostrò nell’immediato estro e fisicità. È con i “Delfini” che esordì per la prima volta in massima serie.

Dopo quest’esperienza venne acquistato per 2 milioni di euro dall’Udinese con un contratto quinquennale. Questo passaggio nevralgico per la sua carriera, ha innescato, poi, non poche esperienze da vivere in diversi  club d’Italia in cui, è stato dato in  prestito, per un progetto proiettato alla sua continua crescita.

A quasi 22 anni, Mamadou ha cambiato non poche casacche, ma, la tinta che adesso primeggia e brilla sulla sua pelle color caffè è quella GRANATA.

Proprio quest’oggi per il calciatore di origini senegalesi si è svolto il primo allenamento ufficiale con la sua nuova squadra: LA SALERNITANA.

Foto: Unione Sportiva Salernitana 1919

© solosalerno.it - tutti i diritti riservati. È vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.

Articolo precedenteFasce nel mirino: si valuta un ritorno… sulla destra
Articolo successivoIl mercato delle altre di B, il punto del 9 gennaio
Ciao a tutti! Sono Raffaella Palumbo, classe 1990, natia della bellissima città di Salerno. Da ormai non poco tempo sono espatriata nel territorio Ligure, in quel di Genova. Amo la vita in tutte le sue sfaccettature e cerco sempre tanta positività nelle mie giornate, anche quando, il cielo sembra totalmente buio, credo che, avere la possibilità di vivere e apprezzare ogni attimo a propria disposizione, sia un dono preziosissimo che, mai andrebbe dato per scontato e sottovalutato. Posso definire la mia vita alquanto piena e soddisfacente. In primis, sono la mamma di una splendida bambina di nome Martina, inoltre, da qualche anno lavoro come insegnante di scuola primaria, pratico la pallavolo dall'età adolescenziale ed ho una smisurata passione - trasmessami da mio padre - per LA SALERNITANA. Tra i miei principali hobby rientrano: lo scrivere, l'andare in bicicletta, il calisthenics, la musica... credo che coltivare le proprie passioni, rientri tra le più importanti spinte motivazionali che, ognuno di noi possa avere per stare bene con se stessi e con gli altri. La benzina delle mie scelte di vita, nasce dall'espressione: " VOLERE è POTERE"!!!