Home News Breda: “Di Salerno ho ricordi indelebili, ma dobbiamo fare risultato”

Breda: “Di Salerno ho ricordi indelebili, ma dobbiamo fare risultato”

Verso Salernitana-Pescara, le parole nella conferenza stampa pre-match del tecnico abruzzese Roberto Breda. Viaggio tra i ricordi, e le aspettative, dell'ex capitano granata

533
0
Tempo di lettura: 2 minuti

Al termine della seduta di rifinitura, il tecnico del Pescara, Roberto Breda, in conferenza stampa ha presentato la prossima gara di campionato di domani, che vedrà gli abruzzesi affrontare la Salernitana all’Arechi. Obbligato il passaggio sui “tempi che furono” in maglia granata e sul legame indissolubile tra l’ex capitano e la piazza di Salerno:

«Salerno è stata la parte più importante della mia carriera da calciatore. Essere stato, per un periodo, anche il giocatore con più presenze della storia, per me è motivo d’orgoglio. Inutile dire che non è una piazza come le altre. I ricordi sono indelebili, non me li toglierà nessuno, ma ora bisogna pensare al presente, il che vuol dire far punti contro tutti quelli che abbiamo di fronte, a prescindere da chi sono. Esultare ad un eventuale gol? Non lo faccio quasi mai, sarebbe un’anomalia se lo facessi. Non che non sia contento ai gol, ovviamente, ma è il mio modo di essere.»

Sulla Salernitana: «Ci aspetta squadra arrabbiata, cattiva, che viene da tre risultati negativi. Dovremo fare una grande prova di temperamento, di qualità e di gioco. Le ultime partite hanno detto che i granata hanno problemi in fase difensiva, e noi dobbiamo cercare di approfittarne. Lo dicono i numeri e i gol subiti. È in ritiro da più giorni e senz’altro avrà voglia di rifarsi. dobbiamo concentrarci sulla partita e non sprecare energie facendoci distrarre dal mercato. Sarà una battaglia da fare col massimo rispetto dell’avversario, ma anche con l’idea di portare a casa più punti possibili.»

Sul Pescara e sui nuovi arrivi in casa abruzzese: «Questo è un gruppo che ha qualità, che è certamente aumentata con l’arrivo dei nuovi “tasselli”. Siamo un cantiere continuo, dove l’obiettivo è quello di fare più punti e risultati possibili, e le strade per ottenerli sono diverse. Anche il fatto di avere più moduli ci permetterà di avere diverse soluzioni. Asencio e Odgaard hanno delle caratteristiche simili, mentre a centrocampo sono convinto che, se servirà, la società completerà ulteriormente una rosa già importante di per sè.»

Articolo precedenteDifesa leggera, ma anche discreta qualità sulla trequarti. Occhio al Pescara di Breda
Articolo successivoCastori convoca 23 calciatori. Presente il neo acquisto Sy.
"Chiodo fisso nella mente, innamorato perdutamente". Questa è la frase che, più di tutte, descrive appieno cosa sia per me la Salernitana. Un tifoso, prima che un giornalista, che ha sempre vissuto, e vive tutt'ora, per i colori granata. Dal maggio 2018, ho deciso di intraprendere la strada, impervia e tortuosa, del giornalismo, entrando a far parte della redazione di "Le Cronache", di cui mi fregio di farne parte ancora oggi. Dal settembre di quest'anno, dopo un anno di collaborazione con gli amici, prima che colleghi, di Salernosport24, sono entrato a far parte della bella famiglia di SoloSalerno.it, con lo scopo di raccontare, con onestà intellettuale ed enorme impegno, le vicende legate alla nostra, mitica "Bersagliera". Sarà un piacere, ma soprattutto un onore, poter mettere al vostro servizio la passione di una vita.