Home News Casasola spinge e rifinisce, Tutino stanca gli avversari e chiude il match....

Casasola spinge e rifinisce, Tutino stanca gli avversari e chiude il match. Difensori goleador

Castori insiste con la qualità dei suoi trequartisti, la squadra conferma di avere mezzi tecnici in grado di spaccare il match

810
0
Tempo di lettura: 3 minuti

BELEC 6: inoperoso per l’intero primo tempo, nel corso del quale si vede solo per un disimpegno di piede un po’ incerto. Sostanzialmente inattivo anche nei secondi quarantacinque minuti.

VESELI 7,5: detta il passaggio sulla fascia, prende la mira con freddezza e scocca un collo interno a giro che supera Russo. Dalle sue parti si soffre, ma lui resta lucido e non si disunisce mai. Determinante la sua chiusura sull’inserimento di Mazzocco nel secondo tempo.

GYOMBER 6,5: subisce un giallo evitabile con un’entrata scomposta e fuori tempo a metà campo. Inizio impreciso anche nella costruzione di gioco dal basso, poi ritrova la grintosa essenzialità di sempre fino alla chiusura della prima frazione. Ripresa precisa e resa tranquilla dal terzo gol granata che chiude anzitempo il match.

BOGDAN 6,5: porta i suoi centimetri nell’area biancoceleste per colpire di testa ma trova il gol di piede sugli sviluppi di una palla inattiva. Determinante anche in fase difensiva con una diagonale che serve ad allontanare un cross da destra. Meno tempestivo nella chiusura su Brunori che calcia alto e sull’inserimento aereo di Mazzocco in piena area. Ancora incerto sul taglio di Morosini ma la palla capita sul suo destro che spazza. La tempistica degli interventi difensivi in uscita denuncia qualche incertezza pure nel secondo tempo, ma l’Entella non ne approfitta. Bravo nella chiusura su Mancosu che lo punta, ma anche precipitoso in occasione del fallo su Brescianini a ridosso dell’area granata. 76 MANTOVANI S.V

CASASOLA 7,5: preciso il cross che trova la testa di Di Tacchio e la prima occasione gol granata. Quando la squadra si distende in avanti, la sua sagoma sulla corsia destra si materializza sempre. Concentrato anche in fase difensiva, i suoi tackle frenano più di un’iniziativa ligure. Ottimo un lancio ad inizio ripresa che pesca la verticalizzazione di Tutino, poi mette il piede nell’azione del gol annullato ai granata per off side. Spettacolare il cross che consente a Tutino di chiudere il match. Ha ancora energia per spingere, penetrando centralmente e provando a sublimare la grande prestazione con una marcatura personale, ma il suo tiro trova i guantoni di Russo.

KUPISZ 6: il suo lavoro è soprattutto di natura difensiva, coprire la fascia ed accentrarsi per fare densità centrale, mentre in fase offensiva si vede poco. Compitino dinamico e tattico eseguito diligentemente anche nella ripresa.

SCHIAVONE 6,5: tre centrocampisti centrali e due trequartisti avversari gli rendono la vita dura, lui sa che non può imporre ritmi e gioco ma correre e coprire senza soluzione di continuità, indossa l’elmetto e disputa un primo tempo concreto e tignoso. Guerriero tattico ed efficace anche in avvio di seconda frazione, quando recupera diversi palloni e funge bene da diga centrale.

DI TACCHIO 6,5: dopo nemmeno un minuto s’inserisce nel cuore dell’area ligure e impegna di testa Russo. Poi, alla pari del partner Schiavone comprende che deve adeguarsi in fretta ad una gara di pura sofferenza, da curare soprattutto sul piano degli equilibri difensivi. Lavoro che riprende nei secondi quarantacinque minuti con la consueta disciplina. 72 CAPEZZI S.V.

CICERELLI 6,5: brucia Coppolaro di rimessa e guadagna il giallo dell’avversario che commette fallo. Però fa fatica ad incidere nell’uno contro uno e nella seconda parte del primo tempo va in difficoltà quando deve impegnarsi in un lavoro di presidio della corsia mancina. Apre bene la ripresa con una buona combinazione in tandem con Tutino, prima di rubare palla e servire Kiyine che sciupa. Continua ad essere vivo, entrando nel campo in dribbling o tagliando centralmente, prima di dettare il passaggio a Kiyine e calciare a lato. 85 BOULTAM S.V.

KIYINE 6,5: si sacrifica in fase difensiva sul giropalla dell’Entella, recupera un pallone prezioso e poco dopo è abile a vedere la sovrapposizione di Veseli che realizza un gran gol. E’ motivato ed acceso, verticalizza, trova i compagni sulle corsie laterali e prova anche il fraseggio centrale con i compagni. Nella seconda parte del primo tempo si vede poco in avanti, ma continua a dare il suo apporto in fase passiva. Lezioso ad inizio ripresa, con una ripartenza che dovrebbe sfruttare meglio. Dopo il terzo gol granata, ritorna ad essere ispirato con un illuminante assist per Cicerelli, prima di essere sostituito. 72 ANDERSON S.V.

TUTINO 7,5: il volume di campo coperto è sempre notevole. Arretra, conquista palloni, riparte e subisce falli, detta il passaggio tra le linee e crea sempre grattacapi ai difensori di casa, anche se opportunità per calciare in porta non gli capitano. Vivo ed esplosivo anche l’inizio del secondo tempo, duetta con Cicerelli, attacca gli spazi laterali e mette a segno il gol della sicurezza. 72 KRISTOFFERSEN S.V.

ALL.CASTORI 7: vara una Salernitana più qualitativa e sbarazzina che fa sentire la sua vivacità quando entra in possesso palla. Sa di essere in inferiorità numerica a centrocampo, ordina ai suoi di fare densità e di lasciare il gioco agli avversari, per colpire di rimessa e sulle situazioni sporche di gioco create sulle palle inattive. Missione compiuta e successo di estrema importanza portato a casa.

Articolo precedenteSalernitana, tutto facile a Chiavari e grazie SPAL. 3-0 per i granata e Lecce a -1
Articolo successivoIl Lecce fa “harakiri” in casa con la Spal. Il Monza in piena crisi conferma Brocchi. In testa, ormai, è lotta a tre.