Home Editoriale SALERNO È UFFICIALMENTE ZONA GRANATA

SALERNO È UFFICIALMENTE ZONA GRANATA

La città è in festa. I tifosi della Salernitana non riescono a contenere l'entusiasmo post vittoria e si riversano in strada per festeggiare con i loro beniamini.

2375
0
Tempo di lettura: 3 minuti

Per un tifoso ci sono molte più terre inesplorate in un campo da calcio che in ogni altro angolo del mondo. ogni partita è un viaggio alla scoperta di qualcosa di mai visto.

(Fabrizio Caramagna)

Non c’è pioggia che freni la gioia dei supporters del cavalluccio. La zona rossa presente a Salerno si è trasformata, ha magicamente cambiato colore, la sfumatura predominante, adesso, è quella GRANATA.

La città è in visibilio.

La partita contro il Venezia è stata da cardiopalma, tutti gli appassionati della squadra dell’Ippocampo – non potendo essere fisicamente presenti tra i gradoni dell’Arechi – hanno seguito l’intero match attaccati al televisore fino all’ultimo secondo di gioco, facendo tremare le pareti delle proprie abitazioni con grida liberatorie, mentre si volgeva all’epilogo dell’incontro, poi, a partita terminata hanno pensato bene di raggiungere l’impianto sportivo di via Allende per festeggiare i 60 punti in classifica della loro amata.

Quella della Salernitana è stata una vittoria conseguita nei minuti di recupero, un successo quasi insperato che – dato il poco tempo che era rimasto a disposizione per recuperare l’1 a 0 sulla squadra ospite – ha scatenato emozioni che non si assaporavano da troppo tempo.

Il successo ai danni del Venezia ha innescato una bomba ad orologeria.

I tifosi di sua Maestà si sono riversati in strada, hanno raggiunto i cancelli dell’Arechi per attendere i propri gladiatori, e caricarli, ulteriormente, d’un entusiasmo crescente, travolgente e smisurato in vista del “final rush”.

La tenacia e la caparbietà dimostrata da capitan Di Tacchio e dalla restante squadra – durante il campionato corrente – è stata ripagata dalla vera essenza del tifo salernitano. Orgoglio, senso d’appartenenza, fierezza… il petto e la mente di ogni singolo sostenitore granata, oggi più che mai, ne è colmo di queste componenti.

Il movente principale, la spinta che continua a fare la differenza, in qualsivoglia contesto e situazione, è l’amore smisurato, quel sentimento tanto irrazionale quanto bello che, impregna l’animo di forza e positività in chiunque lo provi. Il folle sentimento nutrito per la squadra dell’Ippocampo è la benzina che ha indotto alcuni tifosi a lasciare le proprie abitazioni, fino a raggiungere l’Arechi, conducendoli, anche, a scortare il pullman della squadra sino all’albergo che da alloggio ai calciatori. Cori, abbracci, salti di gioia, fumogeni, sciarpe e bandiere stanno animando e colorando la città di Salerno che, quest’anno, sta accarezzando intensamente un sogno chiamato serie A.

La piazza Salernitana – semi dormiente da ormai 5 anni – si sta ridestando, inizia a sgranare gli occhi, matura nuove consapevolezze, avverte quel fremito, misto al battito cardiaco irregolare che, le sta donando linfa inattesa, conducendola, gradatamente, verso una nuova vitA!

Articolo precedenteDjuric e Gondo, con Kiyine a sinistra, cambiano la partita e regalano tre punti d’oro ai granata
Articolo successivoVARie ed eventuali | Salernitana-Venezia
Sono Raffaella Palumbo, classe 1990, salernitana dalla nascita. Per varie vicissitudine, sono espatriata a Genova da quando avevo 21 anni, nel capoluogo ligure esercito la professione di insegnate. Amo la vita in tutte le sue sfaccettature, non trascuro i dettagli. L'ottimismo, la curiosità, la follia, l'intraprendenza ed il sorriso sono caratteristiche di cui non posso fare a meno. Tra le gioie più grandi della mia vita rientra mia figlia: Martina. La pallavolo, la scrittura, i viaggi e la Salernitana sono le mie principali passioni. La benzina delle mie giornate risiede in tre espressioni che non cesso mai di ripetere a me stessa e agli altri: " VOLERE è POTERE, CARPE DIEM e PER ASPERA AD ASTRA"!!!