Home Editoriale Un girone dopo, ora la Salernitana deve accelerare nel finale. Contro il...

Un girone dopo, ora la Salernitana deve accelerare nel finale. Contro il Monza è la gara più importante

La rimonta sul Venezia tiene i granata nella scia del Lecce. Nelle ultime quattro giornate si potrà tentare il sorpasso sul Lecce. Monza ed Empoli arbitri della corsa per il secondo posto

1208
0
Tempo di lettura: 2 minuti

La Lega B scioglierà oggi le riserve circa modi e tempi con cui si vorrà portare a termine il campionato.

Con la speranza che, una volta che il Pescara sarà tornato in campo, non ci siano altri intoppi, la Salernitana è andata a dormire ieri sera con una certezza: la squadra di Fabrizio Castori non solo ha in tasca il terzo posto, ma ha il destino nelle sue mani anche per quanto riguarda la promozione diretta.

No, non abbiamo dimenticato cosa dica la classifica, né che il Lecce abbia dalla sua, in caso di – complicato – arrivo a pari punti lo scontro diretto. Pensate, però, al colpo psicologico che ieri la squadra di Corini ha incassato. A Vicenza era finita e Coda e soci, forse, non erano al corrente neanche de pareggio dei granata, figurarsi, poi, del gol partita di Gondo!

I giallorossi, dopo la sconfitta con la Spal, avranno pensato per qualche minuto di aver rimesso una distanza di sicurezza tra la loro seconda posizione ed il resto del plotone, ma saranno rimasti delusi dal sorpasso in pieno recupero della Salernitana.

Il principale merito, che è poi anche il più marcato tratto distintivo, dei granata è la voglia di lottare. E le corse di tutti i componenti della panchina per festeggiare insieme a chi era in campo i due gol, come gli abbracci di fine gara che tutti i granata hanno postato sui propri profili social sono le istantanee più belle di una giornata in cui Salerno è tornata a sognare e ad esultare, dopo aver provato brividi e fremiti di una sofferenza “bella” come da tempo non si viveva da queste parti.

E la pizza che Gondo ha ricevuto in omaggio negli spogliatoi è un ideale premio partito perché questa squadra ha tanta fame. E, di certo, non si sarà saziata con una sola pizza. Col Monza martedì sarà la partita più importante della stagione. Proprio all’andata la sconfitta con i brianzoli mise in risalto pecche e lacune di una squadra che chiuse la prima parte di stagione con tre sconfitte ed una vittoria. Ora più che mai sarebbe fondamentale incrementare quel bottino di più per mettere pressione al Lecce e tentare il sorpasso all’ultima curva.

O all’ultimo morso di pizza…

Articolo precedenteL’Empoli vola, il Monza si rialza. Conferma Lecce, crollo Frosinone
Articolo successivoSerie B, la Top 11 del 34° turno: Gondo eroico, Frattesi da categoria superiore
Classe '76, non sempre è nervoso.