Home Breaking news L’EMPOLI RAGGIUNGE LA MASSIMA SERIE, LA SALERNITANA, INVECE, AGGUANTA IL SECONDO POSTO...

L’EMPOLI RAGGIUNGE LA MASSIMA SERIE, LA SALERNITANA, INVECE, AGGUANTA IL SECONDO POSTO IN CLASSIFICA

La graduatoria di serie B continua la sua rivoluzione. A meno due gare dal termine della regular season, ancora poche certezze e tante sorprese.

925
0
Tempo di lettura: 3 minuti

La 36/a giornata di serie B non smette di regalare forti emozioni e grandi sorprese… fino all’ultimo respiro!

La vittoria della Salernitana allo scadere del 95’minuto di gioco, indubbiamente, rientra tra le gare che hanno suscitato maggiori palpitazioni, sia per i sostenitori dell’ippocampo che per suoi rivali. Allo stadio Teghil i granata riescono ad incassare l’intera posta in palio contro un Pordenone speranzoso di archiviare la terzultima giornata di campionato con un pareggio. L’1 a 1 avrebbe dato alla squadra di Domizzi, sicuramente, serenità in chiave salvezza, mentre, inutile sarebbe stato il pari per i campani.

Al Brianteo la squadra di Corini non riesce a fare risultato, incappando, così, nella seconda sconfitta di fila. I salentini perdono di misura – il secondo posto in classifica – al cospetto di un Monza in ottima forma, voglioso di agganciare la promozione diretta in massima serie. È Barberis al 41’minuto di gioco a decidere la partita, siglando il suo primo gol in maglia bianco-rossa.

L’Empoli conquista la settima promozione in serie A, in Toscana si festeggia con due giornate d’anticipo. I ragazzi di Dionisi si confermano il miglior attacco della serie B con 66 reti realizzate, travolgendo il malcapitato Cosenza per 4 gol a 0. Al 31’ è Mancosu dal dischetto ad aprire le danze, seguito da La Mantia che rifila una doppietta ai calabresi, infine, è Bajrami a chiudere il cerchio al 64’ minuto di gioco.

Tra Pisa e Venezia non si va oltre il pari, i padroni di casa godono del doppio vantaggio fino al 77’ minuto, poi ci pensa Maleh ad accorciare le distanze. Ciononostante, i nero-azzurri sembrava avessero la vittoria in pugno, ma, allo scadere dei minuti di recupero vengono beffati dai lagunari che siglano il 2 a 2 definitivo.

Al Tombolato di Cittadella basta la realizzazione di Bonini per maturare 3 punti contro un’Entella, ormai, destinata – sola in coda alla graduatoria cadetta con 23 punti – alla Lega Pro.

A Verona, invece, tra Chievo e Cremonese  non si va oltre l’1 a 1. Fabbro con un bel sinistro porta in vantaggio i padroni di casa, ma, è Gaetano, dopo un dribbling ed un tiro potentissimo, a pareggiare i conti durante la seconda frazione di gioco.

La Spal continua a vivere un momento critico, rischiando seriamente di far sfumare l’occasione di giocare i play off. A Ferrara gli spallini perdono di misura contro i canarini di Fabio Grosso che registrano il secondo successo di fila.

In Abbruzzo i delfini di Grassadonia provano a risalire la china, rimandando con orgoglio la retrocessione diretta. Il Pescara riesce ad imporsi per 1 a 0 ai danni della Reggiana di mister Alvini. È Capone dopo 8 minuti a portare in vantaggio la sua squadra.

Il Brescia riesce a farsi valere per 3 a 0 allo stadio Romeo Menti contro il Vicenza. L’obiettivo prefissato e mai celato dal presidente Cellino – sin da inizio campionato – sembra si stia rispolverando ed illuminando nuovamente. I play off non sono più un miraggio. Torna a far gol anche l’ex bomber granata Alfredo Donnarumma, che regala una bella doppietta alle rondinelle.

Presso lo stadio Oreste Granillo, Reggina ed Ascoli lottano per obiettivi opposti: i calabresi per agganciare i play off, mentre, la formazione di Sottil combatte per scappare dalla zona calda della classifica. La partita termina 2 a 2, con un rigore sbagliato dai bianco-neri.

Serie B 2020-2021 (elaborazione)
Articolo precedenteÈ già antivigilia, ripresa al Mary Rosy: Veseli e Tutino verso il rientro, venerdì mancherà Kiyine
Articolo successivoManuel e il lancia cori
Sono Raffaella Palumbo, classe 1990, salernitana dalla nascita. Per varie vicissitudine, sono espatriata a Genova da quando avevo 21 anni, nel capoluogo ligure esercito la professione di insegnate. Amo la vita in tutte le sue sfaccettature, non trascuro i dettagli. L'ottimismo, la curiosità, la follia, l'intraprendenza ed il sorriso sono caratteristiche di cui non posso fare a meno. Tra le gioie più grandi della mia vita rientra mia figlia: Martina. La pallavolo, la scrittura, i viaggi e la Salernitana sono le mie principali passioni. La benzina delle mie giornate risiede in tre espressioni che non cesso mai di ripetere a me stessa e agli altri: " VOLERE è POTERE, CARPE DIEM e PER ASPERA AD ASTRA"!!!