Home News Salernitana, la probabile formazione: avanti con il 3-5-2, Kiyine verso una maglia...

Salernitana, la probabile formazione: avanti con il 3-5-2, Kiyine verso una maglia dal 1′

Il marocchino in pole per sostituire Coulibaly, ma occhio all'ipotesi Anderson. Da valutare Veseli

1212
0
Tempo di lettura: < 1 minuto

Pochi interrogativi e tante certezze alla vigilia del match di Pescara, che potrebbe consegnare alla Salernitana un traguardo il cui solo pensiero suscita i brividi. Castori, che è risultato negativo agli ultimi due tamponi e tornerà in panchina, dovrebbe confermare a grandi linee l’undici vittorioso venerdì all’Arechi contro l’Empoli anche nell’ultima gara della regular season. A cominciare dal modulo, un 3-5-2 in cui tiene banco qualche dubbio da sciogliere nelle ultime fasi pre-match.

Davanti a Belec, conferma per Bogdan e Gyomber, mentre sul centro-sinistra tutto ruota attorno alle condizioni di Veseli: l’albanese ha sofferto un mancamento nel finale del primo tempo con l’Empoli, ma dovrebbe partire dal primo minuto in una gara in cui dare forfait è certamente l’ultimo dei desideri. In caso contrario, Mantovani in pole per una maglia dall’inizio.

A centrocampo agirà Di Tacchio, con la squalifica di Coulibaly che comporterà l’unico possibile cambio di formazione: Kiyine (che torna disponibile dopo il turno di stop contro l’Empoli) è il favorito nel ruolo di mezz’ala sinistra, nonostante il buon impatto avuto da Anderson 48 ore fa; qualora il brasiliano la spuntasse si passerebbe al 3-4-1-2, ma l’ex Santos dovrebbe tornare utile come arma in più solo a gara in corso.

A completare la mediana Capezzi, spostato nel ruolo di interno destro, con Casasola e Jaroszynski a fare nuovamente da stantuffi sulle corsie laterali. In avanti, ancora fiducia al tandem TutinoGondo, con Djuric pronto a subentrare.

SALERNITANA (3-5-2): Belec; Bogdan, Gyomber, Veseli; Casasola, Capezzi, Di Tacchio, Kiyine, Jaroszynski; Tutino, Gondo.

Articolo precedenteCastori, doppio tampone negativo: il tecnico sarà in panchina all’Adriatico
Articolo successivoAddio a Fulvio De Maio: «Bruno Carmando e l’avvocato Tedesco i miei punti di riferimento. Daolio e Pantani i più forti».
Amante dello sport (quasi) a 360°, ma della Salernitana 1919 volte in più.