Home News Gravina: “La Salernitana doveva essere già venduta. Ora ci sono sei mesi...

Gravina: “La Salernitana doveva essere già venduta. Ora ci sono sei mesi di tempo, altrimenti sarà esclusa”

Le parole in conferenza stampa del presidente della FIGC Gabriele Gravina al termine del Consiglio Federale di quest'oggi

2854
0
gravina
Tempo di lettura: 2 minuti

Al termine del Consiglio Federale, il presidente della FIGC Gabriele Gravina ha parlato anche della Salernitana e della decisione, giunta pochi minuti fa, di approvare all’unanimità (eccetto l’astensione della Lega B) del secondo trust presentato dalla proprietà uscente:

«Sul tema Salernitana ho posto una condizione prodromica a tutte le condizioni tecniche e legali portate avanti. Ciò che è certo è che non sono state fatte delle valutazioni politiche, al di là di quello che qualcuno può paventare. Fin quando ci sarò io alla guida di questa Federazione, le cose devono essere fatte senza umori e tensioni derivanti da confronti personali. Ho un solo obiettivo, ovvero il bene della Federazione italiana giuoco calcio e, di conseguenza, la tutela del calcio italiano. Ho posto, ripeto, una condizione prodromica, visto che non ci capiamo dal punto di vista dello stile con la classe dirigente che è chiamata a prendere degli impegni e automaticamente mantenerli. Mi riferisco, in modo particolare, al tema della gestione della multiproprietà. Qualcuno parla di diritto acquisito, ma questo lo valuteremo nel tempo. Nel Consiglio Federale precedente a quello di oggi avevamo applicato una norma che comunque non consentiva più la multiproprietà, eccetto quelle già in essere. Entro il 15 di luglio porteremo in Consiglio un’ulteriore norma che definirà l’evoluzione di queste multiproprietà. Non si può rischiare di far ripetere un evento che abbiamo dovuto gestire in questi ultimi 40 giorni.»

Soffermandosi, poi, sulla decisione di oggi, Gravina ha aggiunto: «Alla luce di tutti i documenti presentati e di un parere espresso dalla COVISOC, soprattutto in riferimento al tema dell’indipendenza economica, il Consiglio Federale ha ritenuto opportuno accettare e condividere il percorso condiviso dalle due società proprietarie della Salernitana. Saremo molto attenti e molto rigidi, perchè tutto ciò che oggi è aspetto formale, nella sostanza non diventi motivo di violazione sia dal principio di indipendenza e sia da quello di influenza del potere decisionale. Fermo restando che comunque c’è un termine improrogabile di sei mesi, in cui la Salernitana dovrà cambiare proprietà tramite il trustee. Se questo non avverrà, la Salernitana sarà esclusa dal campionato di Serie A.»

E poi ancora: «La Salernitana può essere ceduta già a partire da domani mattina. Anzi, in base alle norme federali, doveva essere già venduta. Quindi, non c’è un problema di posizionamento sul mercato, la Salernitana è sul mercato a cominciare da oggi. Per maggiori garanzie dei titolari delle quote societarie, il valore verrà stabilito da un soggetto terzo, nel caso in cui non dovessero esserci accordi sull’ipotesi di una individuazione soggettiva da parte dei titolari attuali.»

Infine, su possibili ricorsi da parte del Benevento ed, eventualmente, di altre società interessate: «Il Benevento ieri ha mandato una diffida con richiesta di accesso agli atti che non sarà impedita, perchè bisognerà lavorare con la massima trasparenza. Noi abbiamo seguito un criterio che ha posizionato al primo posto il valore sportivo di una realtà, ma nel rispetto delle norme. Questo lo abbiamo sancito a chiare lettere nella decisione di oggi. E’ chiaro che il Benevento, come altre squadre interessate, hanno tutto il diritto di chiedere verifiche o comunque tutelare i propri interessi.»

Articolo precedenteIl Consiglio Federale conferma il trust, la Salernitana è iscritta in Serie A
Articolo successivoSalernitana, la cronologia di due mesi da incubo
"Chiodo fisso nella mente, innamorato perdutamente". Questa è la frase che, più di tutte, descrive appieno cosa sia per me la Salernitana. Un tifoso, prima che un giornalista, che ha sempre vissuto, e vive tutt'ora, per i colori granata. Dal maggio 2018, ho deciso di intraprendere la strada, impervia e tortuosa, del giornalismo, entrando a far parte della redazione di "Le Cronache", di cui mi fregio di farne parte ancora oggi. Dal settembre di quest'anno, dopo un anno di collaborazione con gli amici, prima che colleghi, di Salernosport24, sono entrato a far parte della bella famiglia di SoloSalerno.it, con lo scopo di raccontare, con onestà intellettuale ed enorme impegno, le vicende legate alla nostra, mitica "Bersagliera". Sarà un piacere, ma soprattutto un onore, poter mettere al vostro servizio la passione di una vita.