Home Editoriale Andrea Pinamonti :«non era mia intenzione mortificare Belec»

Andrea Pinamonti :«non era mia intenzione mortificare Belec»

L'autore della doppietta ha reputato "perfetta" la gara contro la Salernitana.

5511
0
Tempo di lettura: < 1 minuto
Andrea Pinamonti

Doppietta personale per Andrea Pinamonti, il classe ’99 dell’Empoli– in prestito dall’Inter – si ritiene più che soddisfatto per la prestazione della propria squadra ed anche per i due gol realizzati.

Con entusiasmo ammette ai microfoni di Dazn:

«Giornata perfetta. Abbiamo vinto in un campo difficilissimo contro una diretta concorrente per la salvezza. Sono più che felice per la prima doppietta stagionale in massima serie».

Con una seconda punta accanto, forse, ti esprimi meglio…

«Proviamo tante soluzioni in allenamento, con una seconda punta al mio fianco riesco a mettere ulteriormente in risalto le mie potenzialità. Con il mister stiamo lavorando tantissimo, cerchiamo di crescere e fare sempre meglio».

Dopo il rigore cos’è successo con Belec?

«Penso abbia mal interpretato il mio “cucchiaio”, credo si sia sentito preso in giro, avrà contribuito alla reazione anche il risultato. Nella maniera più assoluta non era mia intenzione mortificarlo. Non volevo offendere né lui, né la squadra, né il pubblico. Non sapevo dove tirare ed ho optato per quel colpo. Inoltre, non è la prima volta che scelgo questa soluzione dal dischetto. Al termine della partita ho provato a dargli la mano ma l’ha rifiutata».

Articolo precedenteSalernitana – Empoli: storia di una rimonta abortita
Articolo successivoPrimavera 2: Pisa-Salernitana 4-2: cade anche la Primavera in trasferta
Sono Raffaella Palumbo, classe 1990, salernitana dalla nascita. Per varie vicissitudine, sono espatriata a Genova da quando avevo 21 anni, nel capoluogo ligure esercito la professione di insegnate. Amo la vita in tutte le sue sfaccettature, non trascuro i dettagli. L'ottimismo, la curiosità, la follia, l'intraprendenza ed il sorriso sono caratteristiche di cui non posso fare a meno. Tra le gioie più grandi della mia vita rientra mia figlia: Martina. La pallavolo, la scrittura, i viaggi e la Salernitana sono le mie principali passioni. La benzina delle mie giornate risiede in tre espressioni che non cesso mai di ripetere a me stessa e agli altri: " VOLERE è POTERE, CARPE DIEM e PER ASPERA AD ASTRA"!!!