Home Editoriale Andreazzoli:«il calore dell’Arechi ha influito sulla reazione d’orgoglio della Salernitana»

Andreazzoli:«il calore dell’Arechi ha influito sulla reazione d’orgoglio della Salernitana»

L'allenatore dell'Empoli si ritiene più che soddisfatto della propria squadra, nonostante abbia iniziato il secondo tempo con una tranquillità eccessiva, che ha portato la Salernitana ad accorciare le distanze.

413
0
Tempo di lettura: 2 minuti

Al termine dell’incontro tra Salernitana ed Empoli, Dazn ha registrato le parole intrise di gioia del tecnico Aurelio Andreazzoli:

Mister quanto è soddisfatto della sua Empoli?

«Molto. stavo meglio alla fine del primo tempo ma, era normale pensare che non saremmo stati tranquilli fino al termine della partita. Sono contento perché la squadra ha lavorato molto bene, i primi 45 minuti sono stati soddisfacenti. Siamo andati a riposo sul 4 a 0, il nostro poteva essere un risultato ancora più rotondo se avessimo approcciato con grinta anche il secondo tempo. Ci sono situazioni che non dipendono solo da noi, il calore dell’Arechi ha influito sulla reazione d’orgoglio della Salernitana. Hanno trovato subito il gol che ha dato speranza alla squadra. Noi ci siamo spaventati un po’, ricordandoci di essere una squadra molto giovane per il palcoscenico della serie A. Abbiamo saputo soffrire senza cedere il passo ai padroni di casa. Abbiamo incassato una vittoria molto importante».

Il gol di Pinamonti è nato anche grazie all’inserimento di una seconda punta al suo fianco. Forse, questa soluzione mette maggiormente in risalto il calciatore?

«Si, ma sfruttandolo come unica punta abbiamo fatto 4 gol anche al Bologna. Non è tanto il reparto che si sceglie a fare la differenza quanto l’interpretazione del gioco. Una punta sola, duo e tre, possono influire relativamente, tutto dipende dall’interpretazione».

Quella di oggi è una partita che vi insegna a non dare per scontato il risultato…

«Come tutte le gare. In Europa siamo la decima squadra più giovane, un dazio bisogna pur pagarlo. Dobbiamo crescere ancora tanto. Al di là del risultato, ci porteremo a casa anche oggi, come contro l’Atalanta, un insegnamento importante».

Articolo precedenteColantuono: «I tre gol in 12 minuti ci hanno tramortito. Il secondo tempo mi ha dato buone risposte».
Articolo successivoSalernitana – Empoli: storia di una rimonta abortita
Ciao a tutti! Sono Raffaella Palumbo, classe 1990, natia della bellissima città di Salerno. Da ormai non poco tempo sono espatriata nel territorio Ligure, in quel di Genova. Amo la vita in tutte le sue sfaccettature e cerco sempre tanta positività nelle mie giornate, anche quando, il cielo sembra totalmente buio, credo che, avere la possibilità di vivere e apprezzare ogni attimo a propria disposizione, sia un dono preziosissimo che, mai andrebbe dato per scontato e sottovalutato. Posso definire la mia vita alquanto piena e soddisfacente. In primis, sono la mamma di una splendida bambina di nome Martina, inoltre, da qualche anno lavoro come insegnante di scuola primaria, pratico la pallavolo dall'età adolescenziale ed ho una smisurata passione - trasmessami da mio padre - per LA SALERNITANA. Tra i miei principali hobby rientrano: lo scrivere, l'andare in bicicletta, il calisthenics, la musica... credo che coltivare le proprie passioni, rientri tra le più importanti spinte motivazionali che, ognuno di noi possa avere per stare bene con se stessi e con gli altri. La benzina delle mie scelte di vita, nasce dall'espressione: " VOLERE è POTERE"!!!