Home Schede Tecniche Alla scoperta di Emil Bohinen: la scheda tecnica del talento norvegese fiutato...

Alla scoperta di Emil Bohinen: la scheda tecnica del talento norvegese fiutato da Walter Sabatini

La scheda tecnica di Emil Bohinen, centrocampista norvegese classe '99 in arrivo dal CSKA Mosca

4946
0
Tempo di lettura: < 1 minuto

Un vichingo al centro della mediana granata. Stiamo parlando di Emil Bohinen, centrocampista norvegese classe ’99 di proprietà del CSKA Mosca, per il quale Walter Sabatini ha trovato l’accordo nella tarda mattinata di oggi. Figlio di Lars Bohinen, ex centrocampista del Blackburn, nonché compagno di squadra di Alan Shearer, Emil nasce in Inghilterra, precisamente a Derby, quando suo padre vestiva la maglia del Derby County.

Si tratta di un centrocampista roccioso, alto 190 centimetri, ma dotato di un buon mancino e di grande visione di gioco. Può considerarsi un centrocampista moderno, bravo in entrambi le fasi di gioco grazie, come anticipato, al buon fisico e all’ottima intelligenza tattica.

Dopo la trafila nel settore giovanile dello Stabæk, squadra di prima divisione norvegese, Bohinen viene convocato in prima squadra per la prima volta nel 2015 senza, però, riuscire ad esordire. Esordio che non arriva nemmeno nel 2016, sebbene venga inserito stabilmente in prima squadra con 12 panchine in Eliteserien. Nel 2017, a 18 anni, finalmente esordisce, raccogliendo appena 7 minuti complessivi in 3 gare. Dopo 11 gare, di cui 3 dal primo minuto nel 2019, nella stagione successiva conquista un posto da titolare, scendendo in campo in 29 occasioni e mettendo a segno 4 reti. Dopo 67 gare e 9 reti complessive con la maglia dello Stabæk, sul finire del 2020 si trasferisce in Russia al CSKA Mosca con cui, finora, è sceso in campo in 14 occasioni con due reti all’attivo.

Accostato nelle ultime sessioni di mercato a diversi club italiani, Fiorentina e Parma su tutti, Bohinen è ormai pronto ad iniziare una nuova avventura nel “Bel Paese” con la maglia della Salernitana. Il classe ’99 arriverà in prestito con diritto di riscatto fissato a 3,5 milioni.

Articolo precedenteRaffica prima della sosta
Articolo successivoSalernitana-Venezia, nulla di fatto: il giudice sportivo rinvia la decisione
"Chiodo fisso nella mente, innamorato perdutamente". Questa è la frase che, più di tutte, descrive appieno cosa sia per me la Salernitana. Un tifoso, prima che un giornalista, che ha sempre vissuto, e vive tutt'ora, per i colori granata. Dal maggio 2018, ho deciso di intraprendere la strada, impervia e tortuosa, del giornalismo, entrando a far parte della redazione di "Le Cronache", di cui mi fregio di farne parte ancora oggi. Dal settembre di quest'anno, dopo un anno di collaborazione con gli amici, prima che colleghi, di Salernosport24, sono entrato a far parte della bella famiglia di SoloSalerno.it, con lo scopo di raccontare, con onestà intellettuale ed enorme impegno, le vicende legate alla nostra, mitica "Bersagliera". Sarà un piacere, ma soprattutto un onore, poter mettere al vostro servizio la passione di una vita.