Home News Taccuino avversario – Schiappapietra (Il Secolo XIX): “Genoa-Salernitana? Chi perde è praticamente...

Taccuino avversario – Schiappapietra (Il Secolo XIX): “Genoa-Salernitana? Chi perde è praticamente in B. Temo il ritorno di Perotti a Marassi”

558
0
Tempo di lettura: 2 minuti

In vista di Genoa-Salernitana di domani pomeriggio, ci presenta l’ambiente rossoblu Andrea Schiappapietra, giornalista de Il Secolo XIX.

Ciao Andrea. Allora, che Genoa vedremo in campo domenica e come giudichi l’operato di Blessin finora?
Ciao. Penso che vedremo un Genoa completamente trasformato. La cura Blessin sta funzionando e il mercato ha portato energie fresche. La squadra si comporta diversamente da prima, interpretando ogni partita in modo offensivo seguendo i dettami del suo nuovo tecnico, che è stato assistente di Rangnick ai tempi del Lipsia. Infatti, Blessin ha portato a Genova il metodo Red Bull, che si basa sul grande pressing con rapidità e forza per recuperare il pallone. Su di lui per ora il giudizio è positivo, dato che ha dato una scossa all’ambiente“.

Se e quanto è uscito potenziato il Genoa dal mercato invernale?
Sul mercato, il Genoa ha fatto una scelta di controtendenza puntando su calciatori provenienti dall’estero, la maggior parte giovani under 25. Sono calciatori che per le intenzioni del nuovo amministratore delegato Johannes Spors sono innesti che devono dare freschezza e che, allo stesso tempo, sono investimenti sia per il presente che per il futuro, a prescindere dalla categoria“.

Come mai è stato ceduto Goran Pandev?
Pandev via? Si è trattata di una sua scelta, si è reso conto che non avrebbe trovato spazio. Dopo 7 anni, la sua scelta è stata dolorosa e inaspettata. Probabilmente non voleva chiudere con una retrocessione“.

Che Salernitana ti aspetti di vedere?
Mi aspetto una Salernitana aggressiva, ha necessita di fare risultato e di venire a vincere per riportarsi in scia delle squadre che immediatamente sopravanzano lei e il Genoa“.

Come giudichi il mercato di Sabatini?
Penso che il mercato di Sabatini sia stato molto interessante. Ha messo insieme giocatori dal passato illustre che possono dare qualcosa in più in termini di esperienza, anche se bisogna valutare come stanno messi atleticamente. Poi ci sono altri due calciatori, Bohinen ed Ederson, sui quali Sabatini punta molto. Il tempo, tuttavia, resta poco ed è difficile costruire rapidamente un gruppo solido“.

Chi dovesse perdere domenica potrà considerarsi in B?
Penso che chi non dovesse vincere domenica potrà considerarsi molto vicino alla retrocessione non solo per discorsi di classifica ma anche e soprattutto dal punto di vista del morale. Entrambe le squadre hanno bisogno di una scossa che alimenti l’entusiasmo che entrambe le tifoserie hanno ma che da solo non può bastare“.

In conclusione, un calciatore potenzialmente decisivo per parte.
Per il Genoa, dico Destro che è un calciatore che se parte dall’inizio è sempre da temere mentre per la Salernitana ti dico Perotti, che ritorna nel suo stadio dove ha fatto grandi cose per un anno e mezzo“.

Articolo precedenteGenoa-Salernitana, due ex Grifoni (più uno) tra le fila granata
Articolo successivoUndici anti-Genoa: tre cambi per Colantuono, Bonazzoli favorito su Ribery