Home News Pronto il 3-4-1-2 anti-Toro: Radovanovic in difesa, riecco Ederson e Verdi

Pronto il 3-4-1-2 anti-Toro: Radovanovic in difesa, riecco Ederson e Verdi

Probabile cambio tattico per la sfida di domani sera. Il serbo arretrerà nella linea difensiva

993
0
Tempo di lettura: < 1 minuto

Serve una decisa scossa per far scoccare la scintilla e sperare nell’impresa salvezza. Con questo auspicio Davide Nicola prepara la gara di domani sera contro il Torino, nella quale proporrà una Salernitana con un abito tattico inedito, almeno per quanto riguarda la sua gestione. Nelle cinque gare da tecnico granata, infatti, l’ex allenatore del Toro ha sempre optato per una difesa a quattro. Copione pronto a cambiare domani sera, con un passaggio al 3-4-1-2.

Davanti a Sepe, la novità più significativa è lo spostamento di Radovanovic, che dal consueto posto in mediana arretrerà al centro della linea difensiva. Il serbo – già difensore centrale a Genova con Ballardini – verrà affiancato da Gyomber e Fazio, favoriti come braccetti a completamento del terzetto. In mezzo al campo tornerà titolare Ederson, protagonista di un’ottima ripresa da subentrato contro la Juventus.

Il brasiliano sarà affiancato dall’inamovibile Lassana Coulibaly, reduce dal doppio impegno con la Nazionale maliana senza però aver trovato minutaggio. Sulle corsie laterali agiranno Mazzocchi e Ruggeri, questa volta in qualità di quinti e non come terzini. Sulla trequarti spazio al ritorno da titolare di Verdi, ex di turno chiamato ad incidere contro la squadra che ancora ne detiene il cartellino.

Zero dubbi in attacco, dove Djuric e l’altro ex Bonazzoli saranno chiamati all’ennesima grande prova dell’ultimo periodo: i due, autori di undici reti in coppia, dovranno confermarsi una volta di più gemelli del gol, per aiutare la Salernitana ad ottenere quei tre punti di cruciale speranza per muovere la classifica e alimentare le speranze salvezza.

SALERNITANA (3-4-1-2): Sepe; Gyomber, Radovanovic, Fazio; Mazzocchi, L. Coulibaly, Ederson, Ruggeri; Verdi; Bonazzoli, Djuric.

Articolo precedenteI convocati di Nicola: Kastanos non ce la fa, out in cinque. Si rivedono Vergani e Kechrida
Articolo successivoNicola: «Siamo in crescita costante, ora è tempo di vincere»
Amante dello sport (quasi) a 360°, ma della Salernitana 1919 volte in più.