Home News Jenbach day 1: primo allenamento per i granata, Gyomber lavora in solitaria

Jenbach day 1: primo allenamento per i granata, Gyomber lavora in solitaria

I granata sono giunti in Austria con un'ora di ritardo a causa di complicazioni nel volo, presente un buon quantitativo di supporter

266
0
Tempo di lettura: 3 minuti

Primo giorno di ritiro per la Salernitana di mister Nicola in quel di Jenbach. Sono ventotto, i calciatori che il trainer piemontese ha convocato per la preparazione in terra austriaca, tra questi spicca l’assenza del brasiliano Ederson. Il centrocampista, infatti, è sempre più diretto verso Bergamo con Lovato che compirà il percorso inverso. Dubbi invece su Okoli che, attualmente, non rientrerebbe nella trattativa tra i bergamaschi e l’ippocampo.

L’allenamento

Dopo essere giunti a Stans (sede dell’albergo che ospita i campani) con circa un’ora di ritardo a causa di complicazioni nel volo causate dal maltempo che ha “accolto” Ribery e soci, i ragazzi dell’ippocampo sono prontamente scesi in campo agli ordini di Nicola e del suo staff. Primo allenamento che ha visto gli uomini del cavalluccio marino svolgere stretching, esercizi per l’attivazione muscolare, corsa e sul finire utilizzare il pallone. Dei ventotto convocati, ventisette hanno svolto regolare allenamento con il solo Gyomber che- a causa del problema fisico di cui è stato recentemente vittima- non ha lavorato con il resto della truppa svolgendo fisioterapia

Il programma di domani

Domani, invece, Ribery e soci scenderanno in campo sia in mattinata che nel pomeriggio nella doppia seduta fissata da Nicola e dal suo staff. Venerdì la prima amichevoli contro i locali del Jenbach, nelle prossime ore potrebbero essere rese note le modalità d’acquisto dei tagliandi. Presente, inoltre, anche un buon numero di tifosi che sono giunti in Austria per seguire da vicino la preparazione dei ragazzi dell’ippocampo.

Le foto della seduta odierna

Articolo precedenteDa oggi si parte per il ritiro: tra i convocati di Nicola out Ederson e Mikael
Articolo successivoBotheim, Bonazzoli e Valencia, la Salernitana prova a cambiare volto al suo attacco
Tutto in 90 minuti: per me il calcio è tutto il mondo che sta all'interno di quell'ora e mezza (più recupero). Sono un grandissimo appassionato del gioco del calcio, indipendentemente dai colori: semplicemente, sono innamorato del gioco. Ho iniziato questo "viaggio" a 17 anni, poi l'avventura con il Quotidiano del Sud e SalernoSera a 20, ora sono il telecronista di SoloSalerno. L'obiettivo è migliorare sempre più.