Home News Salernitana, addio Coppa Italia. Il Parma vince 2-0 all’Arechi

Salernitana, addio Coppa Italia. Il Parma vince 2-0 all’Arechi

278
0
Tempo di lettura: 2 minuti

La Salernitana saluta la Coppa Italia. All’Arechi il Parma si impone 2-0 grazie alle reti di Camara e Mihaila.

Dopo tante chiacchiere e amichevoli, è arrivato il tempo del calcio ufficiale. La Salernitana inaugura la stagione 2022/2023 ospitando all’Arechi il Parma nella sfida in gara secca valevole per i trentaduesimi di Coppa Italia. Di marca granata la prima occasione. All’8′, lancio lungo dalla retroguardia e inserimento in area sulla destra di Lassana Coulibaly. Il maliano, da posizione defilata, coglie l’esterno della rete. Dieci minuti dopo, tambureggiante azione granata che vede Kechrida protagonista. Il tunisino conclude due volte nel giro di 30 secondi, trovando prima l’opposizione della difesa parmense e poi spedisce a lato.

Al 29′, Bohinen alza bandiera bianca per un problema alla gamba sinistra. Al suo posto va dentro Capezzi. Tre minuti dopo, Coulibaly sfonda ed entra in area sempre da destra ma il suo cross è preda del portiere ducale Chichizola.

Al 37′, occasione Parma. W. Coulibaly si fa 20 metri palla al piede e serve Mihaila che di prima assiste Man. Quest’ultimo lascia partire una conclusione dal vertice basso destro dell’area di rigore che fa la barba al palo della porta difesa da Sepe. Sei minuti dopo, su una palla uscente dall’area di rigore del Parma ci prova due volte Capezzi. Il tiro dell’ex Samp viene prima ribattuto poi la seconda conclusione termina ampiamente a lato della porta di Chichizola. Tre minuti di recupero ma non accade nulla. Si va a riposo sul punteggio di 0-0.

Ripresa e nella Salernitana entra Valencia al posto di Sy, con il cileno impiegato così nell’insolito ruolo di esterno sinistro. Al 50′, occasione Parma. Un’incomprensione difensiva apre un corridoio centrale a Mihaila. Il romeno conclude però centrale e Sepe respinge senza rischi. Al 57′, doppia occasione Parma. Sugli sviluppi di un calcio d’angolo prima Romagnoli coglie una clamorosa traversa da pochi passi e poi Man spedisce a lato il tap-in.

Ma il gol del Parma è nell’aria. E arriva subito. Al 59′ entrano Benedyczak e Camara e sono proprio i nuovi acquisti a confezionare il vantaggio gialloblu. Il primo recupera palla e serve Bernabè che conclude centrale e trova la respinta di Sepe, il secondo ribadisce in rete la respinta.

E’ un monologo ducale. Al 65′, Sohm, entrato da pochi minuti si fa 30 metri palla a piede, conclude e trova l’opposizione di Sepe che devia in angolo. Quattro minuti dopo ci prova Benedyczak da posizione invitante, palla fuori. Al 74′, il Parma la chiude con Mihaila. La Salernitana perde un pallone sanguinoso sulla trequarti e Pirola serve involontariamente Mihaila che non sbaglia un rigore in movimento.

Nella Salernitana entra Gyomber per Pirola ed è proprio lo slovacco a rendersi pericoloso con un colpo di testa dagli sviluppi di calcio d’angolo sul quale Chichizola deve impegnarsi seriamente. Sette minuti di recupero ma non accade più nulla. Il Parma si impone 2-0 all’Arechi e accede ai sedicesimi di Coppa Italia dove troverà il Bari.

SALERNITANA-PARMA 0-2 (0-0)

SALERNITANA (3-5-2): Sepe; Mantovani, Fazio, Pirola (77′ Gyomber); Kechrida, L. Coulibaly, Bohinen (29′ Capezzi), Kastanos (60′ Cavion), Sy (46′ Valencia); Ribery (60′ Bonazzoli), Botheim. A disp.: Micai, Fiorillo, Veseli, Sambia, Kristoffersen, Gyomber, Iervolino, Vergani. All.: Nicola.
PARMA (4-3-1-2): Chichizola; Del Prato, Romagnoli, Valenti, W. Coulibaly (72′ Zagaritis); Juric (63′ Sohm), Bernabé (72′ Bonny), Estevez; Mihaila; Man (58′ Camara), Inglese (58′ Benedyczak). A disp.: Borriello, Corvi, Balogh, Circati, Vazquez, Buayi-Kiala, Hainaut, Iacoponi, Sits. All.: Pecchia.

Marcatori: 60′ Camara, 74′ Mihaila

Arbitro: Pezzuto della sezione di Lecce

Note – Ammoniti: Fazio (S), Pirola (S), Zagaritis (P)

Articolo precedenteGennaro Tutino vive la magia dell’Arechi in veste di ex
Articolo successivoUN OTTIMO SEPE NON EVITA LA SCONFITTA AI GRANATA. POSITIVO IL PRIMO TEMPO DI RIBERY, KECHRIDA E COULIBALY. DELUDONO LA DIFESA E L’ATTACCO