Home News Nicola: «Ora abbiamo una rosa importante. Dobbiamo dimostrare di essere sempre squadra...

Nicola: «Ora abbiamo una rosa importante. Dobbiamo dimostrare di essere sempre squadra per restare competitivi»

Sul Bologna: «Domani sarà un test difficile. Saremo pronti anche se giochiamo dopo pochi giorni»

680
0
Tempo di lettura: 2 minuti

È già vigilia per la Salernitana che sarà impegnata al Dall’Ara di Bologna contro la squadra di Sinisa Mihajlović. Mister Nicola ha parlato attraverso il sito ufficiale della Salernitana: «Quello di domani per noi è un test difficile come tutte le gare di questo campionato. Il Bologna è una squadra che gioca insieme da anni, ha acquistato nuovi giocatori e in casa riesce a esprimere un buon gioco e discreta aggressività. Dovremo essere molto abili a farci trovare pronti perché si gioca dopo pochi giorni ma ci siamo preparati al meglio».

la sbornia posta gara contro la Sampdoria sembra essere ormai archiviata. Ormai, alla luce delle ultime operazioni di mercato, la squadra è ben delineata. Serve solo agguantare la salvezza e, perché no, ambire anche ad un campionato molto più sereno: «Domani dovremo mettere in campo una prestazione molto importante perché hanno giocatori in grado di metterci in difficoltà quindi dovremo dimostrare di essere squadra dall’inizio alla fine» ha aggiunto il tecnico. «Abbiamo numericamente e qualitativamente una rosa in grado di presentare più titolari effettivi, ora faremo le ultime valutazioni e sceglieremo la formazione migliore possibile fermo restando che in partite così ravvicinate ogni giocatore è importante per dare il proprio contributo anche per uno spezzone di partita».

A proposito di ambizioni, Davide Nicola, come sempre tende a restare con i piedi per terra: «La nostra ambizione è quella di fare punti ed essere competitivi contro qualsiasi avversario e su qualsiasi campo. Questa è la nostra forma mentis e non deve cambiare perché è ciò che rende un gruppo una vera squadra. Bisogna capire che ogni partita presenta le sue difficoltà, a me interessa la prestazione e il gioco espresso perché parto dal presupposto che non si può raggiungere un risultato se non produci qualcosa in campo soprattutto in Serie A. La presenza così massiccia dei tifosi ci gratifica, vedere l’immedesimazione della gente nella squadra è motivo di grande orgoglio per noi. Faremo di tutto e daremo il massimo in campo per poter creare un connubio indissolubile con loro. Anche i ragazzi che sono arrivati si stanno accorgendo dell’importanza della nostra gente, questa è l’essenza del calcio».

Articolo precedentePiatek-Salernitana, manca solo l’ufficialità
Articolo successivoBologna, i convocati anti-Salernitana: rientra Orsolini, prima per Moro e Zirkzee