Home News Diario Mundial: Pombo

Diario Mundial: Pombo

A Qatar 2022 si è presentato con una doppietta ed una rovesciata monstre. La storia di Pombo, per tutti Richarlison

313
0
Tempo di lettura: 2 minuti
Foto: Pagina Facebook Richarlison

Brasile-Serbia, minuto numero settantatré: Neymar lascia palla a Vinicius, il 20 del Real Madrid in un primo momento pensa di puntare il diretto avversario ma poi spiazza tutti servendo d’esterno Richarlison che stoppa e rovescia battendo per la seconda volta Milinkovic-Savic. Partiamo dal momento più alto, quello della realizzazione del sogno, per descrivere Richarlison.

Una rovesciata come metafora

E’proprio il gran gesto atletico compiuto al debutto in Qatar, a poter sintetizzare la storia del centravanti verdeoro. Cresciuto a Nova Venecia (nello stato sud-orientale di Espirito Santo), l’infanzia per l’attaccante della Seleção non è delle più rosee e- come da lui dichiarato nel corso di questi anni- il calcio è stato il mezzo attraverso il quale abbandonare la povertà ed emergere dalla favela. I primi gol arrivano con la casacca dell’America-MG di Belo Horizonte che nel gennaio 2016 lo cede al Fluminense. Con il Tricolor Carioca, in una sola annata, incanta ed attira su di sé le attenzioni del Vecchio Continente.

Le sirene italiane del 2017

A scovare, come ormai da consuetudine, il centravanti verdeoro è un italiano che risponde al nome di Gino Pozzo. Il patron dell’Udinese, però, decide di non portare Richarlison in Italia ma di girarlo al Watford, altro club di proprietà familiare. Sul ragazzo di Nova Venecia, in quell’estate del 2017, c’erano anche il Milan e la Roma. I più vicini all’acquisto del cartellino furono i rossoneri che, però, videro sfumare la trattativa a causa dell’assenza di posti extracomunitari liberi tra le loro fila. Quanto ai giallorossi, dopo un interessamento, decisero di puntare su altri profili.

Mr.50 milioni

Così, nel corso di questi anni, Richarlison è diventato uno degli attaccanti più richiesti della Premier League. Dopo un solo anno al Watford (2017-2018 nel quale nasce anche il soprannome Pombo ovvero Piccione visto il tormentone “Dance of the Pigeon” di MC Faísca), passa all’Everton con cui realizza 53 gol in 152 presenze, tanti quanto basta per l’arrivo degli Spurs di Antonio Conte che- per portarlo nel North London quest’estate- hanno sborsato circa 50 milioni.

L’amore verdeoro

Con la maglia della Seleção, Richarlison ha praticamente vinto tutto. Nel 2019 conquista la Copa America mentre lo scorso anno vince la medaglia d’oro alle Olimpiadi di Tokyo, delle quali è capocannoniere (cinque gol) nel torneo calcistico. Ora il Mondiale, proprio quello che aveva temuto di perdere dopo un’infortunio con il Tottenham e che fece versare lui non poche lacrime nel post partita. Nella mente del Pombo, adesso, anche questo è un lontano ricordo con il suo sguardo rivolto solo al presente per chiudere un cerchio con l’ennesima rovesciata della sua vita.

Articolo precedenteDario Mundial: Estrellas
Articolo successivoCorea del Sud – Ghana, il solco della storia
Tutto in 90 minuti: per me il calcio è tutto il mondo che sta all'interno di quell'ora e mezza (più recupero). Sono un grandissimo appassionato del gioco del calcio, indipendentemente dai colori: semplicemente, sono innamorato del gioco. Ho iniziato questo "viaggio" a 17 anni, poi l'avventura con il Quotidiano del Sud e SalernoSera a 20, ora sono il telecronista di SoloSalerno. L'obiettivo è migliorare sempre più.