Tempo di lettura: 2 minuti

Ne sono abbastanza certo.

Questo Sampdoria-Salernitana difficilmente resterà nella memoria di Claudio Ranieri.

Il numero di panchine ammonta quasi a 1300, 17 le squadre di club – due volte il Valencia, due volte la Roma – più una Nazionale.

Attraverso cinque nazioni, Claudio Ranieri è uno che nel calcio, da qualche parte, c’è sempre stato.

Quando sarà il tempo dei ricordi e dei bilanci, questo terzo turno di Coppa Italia non ci sarà.

L’occasione quindi è buona solo per me.

Il fatto è che mi è stato sempre simpatico, questo quasi settantenne – ancora ben portati anche se nel suo tempo a Leicester aveva una silhouette da atleta ­– che ha avuto sempre una sola vera patria: la panca.

E per quasi contiguità generazionale lo seguo da sempre.

Ho visto quindi il calciatore – non si offenda, meglio, molto meglio l’allenatore – che era una sorta di Bruscolotti del Catanzaro.
Mi affascina la storia semplice, di un signore che è passato dal “Fettina” del Testaccio – anche se nella macelleria paterna non ha mai messo piede – a “sir” Claudio a Leicester, e lì baronetto avrebbero dovuto farlo davvero.

Embed from Getty Images

Ma in verità io lo ricordo dalla breve esperienza di Pozzuoli, prima che Carmine Longo lo inventasse allenatore di prima fascia in un Cagliari low budget che volò in A dalla C.
Mi riconosco nel linguaggio che parla, parametrato sempre ad educazione e cultura dell’interlocutore.
Ranieri spazia senza problemi dal vernacolo ai buoni sentimenti, senza mai apparire saccente od affabulatore.

E come accade nel cinema a tanti bravissimi attori, ha visto riconosciuti i propri meriti in tarda età.
Ma non è stato un riconoscimento alla carriera, bensì impresa leggendaria vincere la Premier League in una città di meno di 400000 abitanti.

Si incrociano oggi, brevemente e senza presumibile traccia, il suo cammino e quello della mia squadra del cuore.
Un’occasione buona per dirgli “ciao” e ringraziarlo per non essersi mai atteggiato a maestro.
Tanto che il fermo immagine che mi rimane impresso è quello dell’uscita dal Leicester con in mano una busta di plastica.

Embed from Getty Images

Ciao allora mr. Dilly Ding Dilly Dong.
Breve e forse insignificante, ma per me è un vero piacere.

© solosalerno.it - tutti i diritti riservati. È vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.