Home News Salernitana, la probabile formazione: ancora 3-5-2, Castori rilancia Gyomber e Djuric

Salernitana, la probabile formazione: ancora 3-5-2, Castori rilancia Gyomber e Djuric

Il bosniaco torna a comporre il tandem offensivo con Tutino. Rientra anche Mantovani in difesa

726
0
Tempo di lettura: < 1 minuto

Terza gara in otto giorni per la Salernitana, a chiusura del primo vero tour de force del 2021. Dopo il discusso pari contro il Chievo e quello rocambolesco ottenuto a Pisa in zona Cesarini, Castori è orientato a confermare il 3-5-2, modulo ormai abituale in casa granata, seppur con qualche novità per quanto concerne gli interpreti. In difesa si rivedrà Gyomber, che dopo aver scontato il turno di squalifica martedì sera tornerà a guidare la retroguardia. L’altra novità sarà il rientro di Mantovani sul centro-sinistra, mentre a completare il terzetto ci sarà uno tra Aya e Bogdan: l’italo-tunisino parte leggermente favorito nel ballottaggio sul croato, che arriva da diverse gare consecutive da titolare.

Novità anche in mediana, dove Capezzi tornerà titolare come interno sinistro dopo la prova opaca offerta da Kiyine in terra Toscana. L’ex Sampdoria completerà il terzetto con Di Tacchio e Coulibaly, il quale va dunque verso la sesta gara consecutiva da titolare: il senegalese è sempre stato impiegato dall’inizio sin dal suo arrivo alla corte di Castori. A destra agirà Casasola, mentre sulla sinistra il tecnico marchigiano potrebbe riproporre Cicerelli: il numero 10 granata è entrato bene da quinto di sinistra a Pisa, e potrebbe tornare titolare dopo alcuni problemi fisici sofferti nelle ultime settimane. A farne le spese sarà Jaroszynski, che potrebbe tirare il fiato dopo due gettoni da titolare. In avanti, dopo il turnover del match di tre giorni fa, Djuric tornerà nell’undici iniziale: il bosniaco andrà quindi a comporre il tandem tradizionale con Tutino, chiamato agli straordinari vista la terza gara di fila dal primo minuto.

SALERNITANA (3-5-2): Belec; Aya, Gyomber, Mantovani; Casasola, Coulibaly, Di Tacchio, Capezzi, Cicerelli; Tutino, Djuric.

Articolo precedenteDi Carlo: “Salernitana squadra ostica. Voglio un branco di lupi affamati”
Articolo successivoA metà strada fra Yale e la Prospettiva Nevskij: sogni, tristezze e Noif
Amante dello sport (quasi) a 360°, ma della Salernitana 1919 volte in più.