Home Calciomercato Salernitana, un ex Lazio per la difesa

Salernitana, un ex Lazio per la difesa

Vicini Chabot e Caprari, pazza idea Caceres. Sabiri e Viviani per il centrocampo. Ancora attesa per Favilli

2223
0
Caceres
Tempo di lettura: 2 minuti

Dopo aver piazzato il colpo Bonazzoli in attacco, reparto che andrà senz’altro puntellato con altri innesti di categoria, la Salernitana è alla ricerca di un profilo di sicuro affidamento in difesa che possa far compiere quel salto di qualità che ad oggi manca. Il nome nuovo è quello di Martin Caceres, difensore uruguagio classe ’87, reduce dall’esperienza alla Fiorentina in cui ha collezionato, in due stagioni, 56 presenze e 3 reti in campionato. Un innesto che, se dovesse andare in porto, garantirebbe esperienza e qualità al reparto difensivo granata. Caceres, di fatti, grazie alla sua duttilità, è in grado di ricoprire tutti i ruoli della difesa e con qualsiasi schieramento. Dotato di buona tecnica di base, che gli consente anche di avventurarsi in avanti con discreto profitto, ha nel temperamento la sua caratteristica principale. Una dote, tra l’altro, gradita in particolare da Max Allegri durante la sua permanenza alla Juventus. Oltre alla casacca bianconera, in carriera il difensore uruguagio ha vestito anche le maglie di Villareal, Barcellona e Siviglia, nonchè quelle di Southampton, Verona, Lazio e, appunto, Fiorentina,

Svincolatosi al termine della stagione scorsa, il buon Martin è alla ricerca di una nuova avventura che possa dargli nuovi stimoli. Su di lui, oltre alla Salernitana, ci sono anche gli occhi dello Spezia, sebbene, allo stato attuale, l’offerta del club di via Allende sembra sia più alta rispetto a quella dei liguri. Attese novità all’inizio della prossima settimana.

Sempre per quanto concerne il reparto difensivo, la Salernitana è vicina a chiudere l’affare Chabot con la Sampdoria, con la formula del prestito secco fino al termine della stagione. Stessa formula con cui può arrivare anche Gianluca Caprari. Più difficile, invece, la pista Gagliolo, il cui prezzo per il cartellino fissato dal Parma sarebbe al momento inaccessibile per le casse granata. In alternativa, sempre viva la pista Ranieri della Fiorentina.

Novità anche a centrocampo, per il quale la Salernitana è ripiombata sul vecchio pallino Abdelhamid Sabiri. L’estroso centrocampista offensivo classe ’96, infatti, fu già vicino ad approdare all’ombra dell’Arechi un’estate fa tramite Lazio, ma preferì firmare con l’Ascoli. Ora, dopo una buona stagione in cadetteria con i bianconeri, il club granata ha riallacciato i contatti con l’ex Paderborn, stavolta stuzzicato dall’idea di poter giocare in massima serie. Occhi puntati anche su Mattia Viviani e Luca Garritano, appena svincolatisi dal Chievo, e sui genoani Radovanovic, Cassata e Agudelo.

Nel frattempo, dal “Grifone”, si attende il definitivo via libera per Andrea Favilli. Il calciatore, che pare non abbia ancora sciolto le riserve, è bloccato da tempo dalla Salernitana, che però difficilmente attenderà ancora per molto. Complicate, almeno per ora, le piste Simy (su cui è in pole il Maiorca) e Lammers, seguito con insistenza proprio dal Genoa. Nelle ultime ore, come profilo under, la Salernitana ha sondato l’entuorage di Ike Ugbo, attaccante classe ’98 di proprietà del Chelsea e reduce da un anno in prestito al Cercle Brugge. Tra i pali, invece, è sempre più vicino l’arrivo di Fiorillo dal Pescara come vice-Belec.

Sul fronte uscite, restano da piazzare diversi esuberi. Uno di questi è Kristoffersen, proposto a Pescara, Palermo e Cosenza. In Calabria potrebbero finire anche Schiavone, Giannetti e Cavion (sondato anche dal Vicenza), mentre il Seregno, dopo Kalombo e Cernigoi, potrebbe prelevare anche i giovani Galeotafiore, D’Andrea e Vitale. Curcio vicino al ritorno al Padova, mentre la Turris punta su Russo per la porta. Si cerca una sistemazione anche per Sy, Boultam e Firenze, per i quali al momento non risultano compagini interessate.

Articolo precedenteSalernitana, idea Sabiri per il centrocampo. Piace un giovane attaccante del Chelsea
Articolo successivoIl mercato delle altre, il punto del 5 agosto
"Chiodo fisso nella mente, innamorato perdutamente". Questa è la frase che, più di tutte, descrive appieno cosa sia per me la Salernitana. Un tifoso, prima che un giornalista, che ha sempre vissuto, e vive tutt'ora, per i colori granata. Dal maggio 2018, ho deciso di intraprendere la strada, impervia e tortuosa, del giornalismo, entrando a far parte della redazione di "Le Cronache", di cui mi fregio di farne parte ancora oggi. Dal settembre di quest'anno, dopo un anno di collaborazione con gli amici, prima che colleghi, di Salernosport24, sono entrato a far parte della bella famiglia di SoloSalerno.it, con lo scopo di raccontare, con onestà intellettuale ed enorme impegno, le vicende legate alla nostra, mitica "Bersagliera". Sarà un piacere, ma soprattutto un onore, poter mettere al vostro servizio la passione di una vita.