Home Editoriale “La moviola di Torino vs Salernitana”.

“La moviola di Torino vs Salernitana”.

La poca contesa per l’intera posta in palio, ne ha scaturito una partita a tratti noiosa, dall’epilogo scontato – in un contesto del genere, commentare una prestazione arbitrale è davvero complicato – come dimostra il risultato finale.

270
0
Tempo di lettura: 2 minuti

È stato un pomeriggio abbastanza tranquillo per il signor Aureliano di Bologna, dato che si è giocato in una sola metà campo, per gran parte del match.

La poca contesa per l’intera posta in palio, ne ha scaturito una partita a tratti noiosa, dall’epilogo scontato – in un contesto del genere, commentare una prestazione arbitrale è davvero complicato – come dimostra il risultato finale.

In foto: Gianluca Aureliano di Bologna

Passiamo alla moviola.

[ Episodi primo tempo ].

Al 34’ Ansaldi (T) a tu per tu con il portiere avversario Belec (S), scavalca quest’ultimo con uno scavetto che termina in rete: bravo nell’occasione l’assistente numero 1 Cecconi di Empoli a rilevare e segnalare con immediatezza la posizione di fuorigioco del calciatore di casa.  Decisione correttamente confermata – dopo un breve silent check – anche dai due varisti Banti e Valeriani.

Al 41’ Bonazzoli (S) interviene con il piede a martello, durante uno scontro di gioco con un calciatore avversario: giusto il provvedimento disciplinare (ammonizione) per fallo imprudente.

[ Episodi secondo tempo ].

Al 63’ Gyomber (S) dopo aver perso inizialmente un contrasto di gioco, interviene da dietro su un calciatore avversario, stendendolo: giusto il provvedimento disciplinare (ammonizione) per fallo imprudente.

Al 65’ sempre Gyomber (S) – durante un’azione di contropiede intrapresa dalla squadra locale – interviene su un calciatore avversario, colpendolo con una spallata al petto: nell’occasione Aureliano opta solo per il provvedimento tecnico, senza estrarre alcun cartellino. Possiamo tranquillamente definirlo un episodio “borderline” in quanto il difendente ospite – da almeno una decina di minuti visibilmente nervoso – ha colpito l’avversario disinteressandosi completamente del pallone, non propriamente a distanza di gioco. Ammonire Gyomber per la seconda volta, non sarebbe stato un errore trattandosi di comportamento antisportivo. Graziato!

OFF TOPIC: da segnalare al 66’ l’esordio in maglia granata di Franck Ribery (S), subentrato al compagno di squadra Gyomber.

Al 69’ Lukic (T) interviene da dietro su Coulibaly M. (S) , durante un’azione di ripartenza: seppur Aureliano fa bene a lasciar proseguire il gioco, concedendo il vantaggio, non fa altrettanto una volta terminata l’azione stessa. Il provvedimento disciplinare (ammonizione) doveva essere automatico, senza attenuanti alcune. Errore grave!

Come ho affermato nell’introduzione, è davvero difficile commentare una gara del genere. Nel complesso la direzione di Aureliano – facilitato dal netto divario tra le due squadre che si è visto in campo – non ha inciso sul risultato finale, ma restano i due episodi riguardanti il presunto doppio giallo non esibito a Gyomber (S) e quello netto non esibito a Lukic (T).

Prestazione degli assistenti: a Cecconi (AA1) va la piena sufficienza, soprattutto per il fuorigioco rilevato nell’occasione della rete annullata ad Ansaldi; discorso diverso per quanto riguarda Mokhtar (AA2) impegnato davvero in pochissime occasioni (a lui va un sei “politico”).

Articolo precedenteCastori: «Così non va. Bisogna cambiare atteggiamento. Il 2-0 ci ha fatto crollare mentalmente».
Articolo successivoIl ‘belletto’ Ribery potrebbe non bastare. Castori prenda atto delle carenze strutturali e valuti un cambio di spartito
Luca D'Urso, nato a Salerno l'11/08/1991 Appassionato di musica rock, food e sport. Ex arbitro di calcio appartenente alla sezione Aia di Salerno, dal 2009 al 2019.