Home Editoriale Cinquemila motivi per abbaiare più forte

Cinquemila motivi per abbaiare più forte

870
0
Tempo di lettura: 2 minuti

Sold out è parola polirematica: per qualcuno la più dolce, per altri la più remunerativa.

Poco conta, ché con Halloween nel baule dei ricordi, i trigliceridi in festa e la notte delle streghe fra i falò dell’Appia antica si dormirà poco. Dannatamente poco.

Non chiamatela partita, né riscatto.
Le nostre sorti non si ciberanno di foglie d’erba — scomodando volutamente lo zio Walt — ma di sospirate secessioni.

In 1852 — three years before <em>Leaves of Grass</em> — Walt Whitman anonymously published a short novel, in six parts, in New York's <em>Sunday Dispatch</em>.

E l’armata Sudista, nientedimeno, si accomoderà — con fare poco accomodante — nella tana dell’A.S.
Con le S.S. di fronte e il Gerarca occhialuto in tribuna d’onore.

Foto Daniele Badolato / LaPresse 18 08 2013 Roma Sport Supercoppa Italiana 2013 Lazio vs. Juventus Nella foto : Claudio Lotito Photo Daniele Badolato LaPresse 18 08 2013 Roma Sport Supercoppa Italiana 2013 Lazio vs. Juventus In the picture : Claudio Lotito

Tiferò per mamma Lazio, disse. Fetente chi si sorprende.
Il fratello minore, da più di un decennio, è abituato a scavare il fondo della scodella.

Indipendenza, quella che la FIGC ha riposto fra le maniglie di un tram targato Albione. Quella che, invero, si srotola fra i bordelli di provincia e vive fra i rantoli del secondino ingarbugliato. Di sasso in sasso, di tombola in frana: il quindici novembre è arrivato. Cosa capiterà? Niente.

Avete presente il Monopoly? Bene, pescate fra gli imprevisti: l’imponderabile piega degli eventi.
Ché le probabilità latitano, non sono roba per noi.

Nel frattempo, un tesserato sospira dal parcheggio ciociaro, schiere di mistificatori raccolgono e rilanciano. Un Direttore Sportivo sospira candidamente – “Il mio modo di gestire una società non comporta la parola indebitamento” – e il cronista non ride di gusto né controbatte sdegnato, anzi: appunta in religioso silenzio e guadagna il sorso di caffè giornaliero.

Espropriazione proletaria, ripeterono senza vergogna alcuna. Con le mani strette in tasca e un occhio al patrimonio: scongiurando vendite, meditando ritorni, grattandosi le gonadi con fare ferino.

Cinquemila motivi per abbaiare più forte, quindi. Lunga vita ai cani, quegli esseri strani che assaltavano i punti vendita, ora i circuiti online.

Dio ci preservi Ribéry, ci difenda dalla dialettica dei Generali e indichi la rotta per le stelle. Questo è quanto, nient’altro che una smisurata preghiera. Se poi l’appendice di cuoio vorrà tenderci la mano, beh!

Correremo il rischio di espugnare la prigione sbiadita, mostrando il dito medio al carceriere latinofono.

Articolo precedenteProbabile undici anti-Lazio: Ribery stringe i denti, due cambi per Colantuono
Articolo successivoLazio-Salernitana, le probabili formazioni: Immobile e Ribery ok, chance per Obi
Nato nel '90. Due passioni governano i moti del cuore e, molto spesso, confluiscono l'una nell'altra: Salernitana e poesia.