Home Editoriale 16.12.21: la pillola del giorno dopo

16.12.21: la pillola del giorno dopo

1325
0
Tempo di lettura: 2 minuti

Cerchio rosso sul calendario, nonostante il pennarello abbia lasciato esalare l’ultimo alito d’alcool già da qualche mese.

Adeste Fideles! L’ennesimo ultimatum mira ad esser disatteso.

Lo chiamassero penultimatum, quantomeno.

Il calendario dell’Avvento – più Passione che Avvento, indiscutibilmente – spalanca le sue caselle al vuoto pneumatico: né meringhe, né carbone, semplice vergogna.

Comunicati e chiarimenti? Di questo passo, potevamo anche farne a meno.

Il girotondo delle voci, traslate ad arte dai portafogli a soffietto della controinformazione, non porta a nulla più di quel che attendevamo da un po’.

Facile, troppo facile, iscriversi al registro dei lungimiranti.
Tardi, altrettanto tardi, per ascendere al Monte Ventoso della penitenza tardiva.

Caparre non versate, voci incontrollate, ansia via Ansa, silenzi indeterminabili.
Dipingere un lineare quadro degli eventi, qui a Salerno, è come arrampicarsi sulle vette dimenticate da Dio e dagli sherpa.

Due indizi fanno una prova, trecentosessantacinque offese fanno un’evidenza, più proroghe fanno un patteggiamento.

Lotito, legando la Salernitana all’altare della Federazione, ha sfoderato il pugnale. De Laurentis, pronto a far lo stesso coi gemelli di sventura, sogghigna.

Caos calmo per ora, avanzerà furente. Occorrerà attendere il momento propizio, forse marzo: Gravina non avrà più armi in fondina, le Procure dormiranno il sonno dei giusti, i procuratori continueranno a frinire, la Nazionale potrebbe perdere l’ultimo volo utile per il Qatar. Disastri in arrivo, elmetti pronti ad esser rispolverati.

E se la Multiproprietà virasse, d’improvviso, da problema insormontabile a pillola del giorno dopo? Dolorosa ma necessaria?

Così fosse, questo sarebbe il mio ultimo editoriale e la passione per il calcio, in tutta sincerità, andrebbe a farsi fottere: definitivamente.

Articolo precedenteTrust Salernitana 2021, ennesima proroga nell’aria
Articolo successivoQuasi al giro di boa
Nato nel '90. Due passioni governano i moti del cuore e, molto spesso, confluiscono l'una nell'altra: Salernitana e poesia.