Home Breaking news Salernitana: Bradaric può arrivare a titolo definitivo

Salernitana: Bradaric può arrivare a titolo definitivo

Il club granata è pronto ad investire per il terzino croato ed aspetta l'ok della Juve per Cambiaso

2603
0
Tempo di lettura: 2 minuti

La Salernitana punta ad assicurarsi Damagoj Bradaric a titolo definitivo (leggi articolo https://www.solosalerno.it/2022/07/05/de-sanctis-bussa-al-lille-tre-calciatori-nel-mirino/).

Il terzino sinistro croato, classe ’99, è reduce da una stagione in cui ha giocato poche volte da titolare con il Lille, cui è legato da altri due anni di contratto, ed è pronto ad una nuova esperienza. Dopo aver giocato in patria con la maglia dell’Hajduk Spalato ed aver debuttato in campo europeo proprio con il club francese, per lui si stanno per spalancare le porte della Serie A.

La valutazione attuale del suo cartellino si aggira sui tre milioni di euro. Per lui è pronto un contratto quadriennale. Nel 2019 il suo trasferimento si completò su una base di 6.5 milioni di euro.

Da un terzino all’altro: il direttore sportivo della Salernitana, Morgan De Sanctis, continua a braccare Andrea Cambiaso, che da lunedì dovrebbe diventare ufficialmente di proprietà della Juventus. Il classe 2000 può giocare a sinistra come a destra.

Dalla Juventus è in arrivo anche il centrocampista Filippo Ranocchia (2001), reduce dall’esperienza col Vicenza e prossimo a prolungare il suo accordo con il club piemontese prima di partire nuovamente in prestito. La Salernitana punta al diritto di riscatto del talentuoso mediano umbro che ha al suo attivo anche tre presenze nell’Under 21.

Lunedì arriverà Valencia, ma in attacco si stringe per Federico Bonazzoli. La società granata offre cinque milioni alla Sampdoria ed un quadriennale al calciatore che nelle prossime ore scioglierà le riserve.

In salita la pista Thorsby, tentato dall’Union Berlino. Si insiste per Filip Djurcic e per Junior Sambia, entrambi svincolati.

In uscita, invece, Bogdan è prossimo al ritorno alla Ternana.

Articolo precedentePirola, un altro promettente virgulto per la difesa granata
Articolo successivoJenbach giorno 7. La pioggia accompagna l’allenamento, lavoro su possesso palla e situazioni offensive
Classe '76, non sempre è nervoso.