Home Editoriale Radovanovic suona la carica dal ritiro di Belek: «Obiettivo 40 punti»

Radovanovic suona la carica dal ritiro di Belek: «Obiettivo 40 punti»

La squadra di Davide Nicola è concentrata sull'obiettivo 40 punti. I microfoni di Sky hanno raccolto le dichiarazioni di Ivan Radovanovic prima dell'amichevole che oggi si disputerà contro la Fenerbahce.

628
0
Tempo di lettura: < 1 minuto
Radovanovic

Il romitaggio invernale è iniziato con grinta e determinazione. La squadra granata, sotto l’attenta guida di Davide Nicola, ha dato il “via” alla preparazione atletica prima della ripresa del campionato datata 04/01/2023 col Milan di Stefano Pioli.

Tra una seduta d’allenamento e l’altra, i microfoni di Sky ha intervistato Ivan Radovanovic.

Le dichiarazioni di Radovanovic

«Pensiamo solo a raggiungere quota 40 punti, poi affronteremo tutto il resto. Ad inizio stagione avrei messo la firma per ritrovarmi alla sosta con dieci punti sulla zona salvezza. Non dobbiamo fare l’errore di pensare che la salvezza sia già conquistata, nonostante il vantaggio momentaneo sulle dirette concorrenti. Cercheremo sempre di impegnarci al massimo. Prima arriviamo a quota 40 punti e prima possiamo affrontare partite senza pressione, provando, così, ad alzare l’asticella, solo allora potremo capire fin dove ci si potrà spingere».

La gara col Milan

«Lo scorso anno il Milan è stato il primo avversario dell’era Nicola, proprio col Milan abbiamo capito che potevamo credere nella salvezza. Il pareggio ci lasciò l’amaro in bocca. Il 4 gennaio giocheremo in casa davanti al nostro pubblico, per noi è un valore aggiunto. I nostri tifosi hanno sempre dimostrato di poter essere il dodicesimo uomo in campo e sono sicuro che risulterà fondamentale anche contro la squadra che la scorsa stagione si è aggiudicata lo scudetto».

Articolo precedentePorte aperte: Sepe ko, Micai verso la B ma prima serve un innesto tra i pali
Articolo successivoFrancia – Inghilterra: l’ombra lunga del disarmo
Sono Raffaella Palumbo, classe 1990, salernitana dalla nascita. Per varie vicissitudine, sono espatriata a Genova da quando avevo 21 anni, nel capoluogo ligure esercito la professione di insegnate. Amo la vita in tutte le sue sfaccettature, non trascuro i dettagli. L'ottimismo, la curiosità, la follia, l'intraprendenza ed il sorriso sono caratteristiche di cui non posso fare a meno. Tra le gioie più grandi della mia vita rientra mia figlia: Martina. La pallavolo, la scrittura, i viaggi e la Salernitana sono le mie principali passioni. La benzina delle mie giornate risiede in tre espressioni che non cesso mai di ripetere a me stessa e agli altri: " VOLERE è POTERE, CARPE DIEM e PER ASPERA AD ASTRA"!!!