Home Editoriale La moviola di Salernitana Torino

La moviola di Salernitana Torino

Nel lunch match dell'Arechi, Colombo non perde la bussola: prestazione caparbia, quella dell'emergente fischietto comasco.

679
0
Varie ed eventuali 2021
Varie ed eventuali 2021
Tempo di lettura: < 1 minuto

La diciassettesima giornata del campionato di massima serie si è aperta con il “lunch match” Salernitana Torino. La gara è terminata uno a uno, risultato giusto per quel che si è visto in campo nell’arco dei novantotto minuti giocati.

A dirigere l’incontro è stato il signor Andrea Colombo di Como coadiuvato dagli assistenti Bresmes e Yoshikawa; quarto ufficiale Giua, al var Marini e Paganessi.

Passiamo alla moviola

Al 20′ del primo tempo Candreva (S) interviene in scivolata su Radonjic (T), con quest’ultimo che si lascia cadere a terra: Colombo, ben posizionato, fa ampi cenni di proseguire il gioco. Breve silent check da Lissone e decisione di campo confermata. Andando a rivedere le immagini, Candreva non colpisce mai il calciatore ospite che si lascia cadere con troppa facilità nel tentativo di ottenere un calcio di rigore a proprio favore. Giusto non fischiare, ma sarebbe stato ancora più giusto ammonire Radonjc per comportamento antisportivo. Nella circostanza, Candreva verrà ammonito per reiterate proteste.

Al netto dell’unico episodio sopracitato, è da ritenersi positiva la prestazione dell’arbitro comasco: coerente nella gestione disciplinare, così come quella tecnica. Avrebbe sicuramente potuto evitare qualche fischio “scolastico” ma, essendo un arbitro emergente, è cosa fisiologica.

Buona anche la prestazione dei due assistenti di linea; poco impegnati i due addetti in sala Var.

Articolo precedenteSalernitana, quinta sanzione per Daniliuc: salterà l’Atalanta
Articolo successivoPrezioso punto di ripartenza. Con Ochoa e Vilhena in più e la ‘veterana’ gioventù di Nicolussi Caviglia
- Luca D'Urso - 11 agosto 1991, Salerno - Ex arbitro di calcio a livello nazionale - Appassionato di musica rock, sport e cucina - Citazione arbitrale preferita: "Vedere, decidere, dimenticare" [Roberto Rosetti]