Home Editoriale La moviola di Verona Salernitana

La moviola di Verona Salernitana

Al Bentegodi di Verona è scontro salvezza: la direzione arbitrale di un "appesantito" Valeri, lascia a dir poco desiderare

630
0
Tempo di lettura: 2 minuti

Nel posticipo pomeridiano, valevole per la ventiduesima giornata del campionato di massima serie, si sono affrontate Verona e Salernitana: in quello che era un autentico scontro salvezza, hanno avuto la meglio i padroni di casa che hanno ottenuto i tre punti grazie alla rete siglata da Ngonge al 31′ del primo tempo.

A dirigere l’incontro è stato il signor Valeri di Roma 2 coadiuvato dagli assistenti Vivenzi e De Meo; quarto ufficiale Abisso, al Var Abbattista e Mariani.

valeri
In foto: Paolo Valeri di Roma 2

Passiamo alla moviola

Al 29′ Lazovic (V) lancia in profondità Ngonge (V) che – sul filo del fuorigioco – insacca alle spalle di Sepe (S): al termine dell’azione, va su la bandierina di De Meo per segnalare la posizione irregolare della punta scaligera. Rapido silent check da Lissone e decisione giustamente confermata.

Al 66′ Pirola (S) interviene in scivolata su Doig (V) all’interno dell’area di rigore granata: Valeri, ben posizionato, indica immediatamente il dischetto, ritenendo irregolare l’intervento del difendente della Salernitana. Da Lissone, però, in maniera anche abbasta celere, invitano l’arbitro romano a rivedere le immagini, in quanto l’intervento di Pirola potrebbe esser stato giudicato in malo modo. Non a caso, dopo la più classica delle on field review, Valeri rientra in campo e corregge la propria decisione iniziale. Pirola interviene nettamente sul pallone, dunque, mai calcio di rigore!

In conclusione, la prestazione di Valeri è da ritenersi tutt’altro che brillante: atleticamente “appesantito”, tecnicamente “caoitico”; a dir poco frettoloso in occasione del penalty inizialmente assegnato al Verona.

Positiva la prestazione dei due assistenti Vivenzi e De Meo, altrettanto quella dei due varisti Abbattista e Mariani.

Articolo precedenteNicola: «Non abbiamo avuto la giusta determinazione e cattiveria per rimetterla in carreggiata»
Articolo successivoNicola ai titoli di coda, si segue la pista turca
- Luca D'Urso - 11 agosto 1991, Salerno - Ex arbitro di calcio a livello nazionale - Appassionato di musica rock, sport e cucina - Citazione arbitrale preferita: "Vedere, decidere, dimenticare" [Roberto Rosetti]