Home Breaking news Sousa: «Voglio costruire mentalità vincente. Migliorare nel mantenere il risultato»

Sousa: «Voglio costruire mentalità vincente. Migliorare nel mantenere il risultato»

Il trainer dell'ippocampo ha commentato il pari dell'Olimpico ai microfoni di DAZN

568
0
Tempo di lettura: 2 minuti
MILSAL 13 03 2023 4

“La nostra mentalità è giocarcela con tutti”, commenta così mister Paulo Sousa il pari dell’Olimpico. Una grande prestazione quella offerta dai granata contro la Roma, con Ochoa e compagni bravi a prendere spesso il centro del ring ed annullare la compagine giallorossa che- escludendo i calci piazzati dai quali sono nati i gol- ha trovato grandi difficoltà nell’impensierire la retroguardia campana. Pari che permette all’ippocampo di salire a quota 39 punti (record nella propria storia in massima serie) e, soprattutto, chiudere il campionato avendo conquistato almeno un punto ai danni di tutte le altre partecipanti a questa Serie A.

Le parole di Sousa

“Abbiamo costretto la Roma a cambiare struttura- spiega Sousa ai microfoni di DAZN-, avevano capito di essere in difficoltà in gioco e nel fare gol. Dobbiamo crescere nel saper mantenere il risultato con il pallone, su questo dobbiamo lavorare. La mia mentalità è vincere ovunque e con chiunque, dobbiamo competere ed oggi abbiamo ancora chiuso con tre attaccanti. Concesso poco ma anche quando l’avversario spinge dobbiamo mantenere il possesso. La rete di Candreva? I centrali della Roma sono bravi nel gioco aereo verticale, avevamo lavorato sui movimenti di rottura e nella profondità. Lassana (Coulibaly) sta diventando un giocatore importante non solo sulla fase di recupero ma anche su passaggi e velocità del gioco. Kastanos per me è più interno che quinto ma è molto duttile, stesso discorso per Candreva. Danno tempo ed hanno possesso poi entrando dall’esterno all’interno possono fare male anche per la gran capacità di calcio. Lavoro per creare una cultura di vittoria e per farlo dobbiamo creare per fare gol. L’inizio del processo è stato difficile perchè i ragazzi arrivavano da altre idee, inizialmente ho cercato di dare concetti semplici. Gli attaccanti sono forti e devono essere alimentati anche tramite la costruzione dal basso, ho dato fiducia a tutti senza mai toglierla a nessuno”.