Home News L’avversario di turno, Milan: statistiche e precedenti

L’avversario di turno, Milan: statistiche e precedenti

Si avvicina lo scontro tra Salernitana e Milan in quel dell'Arechi, ecco qualche statistica sul rendimento attuale e sui precedenti con i rossoneri

370
0
Tempo di lettura: 2 minuti

Se la spinta dell’Arechi servirà a qualcosa, questo lo si vedrà a partita in corso. La Salernitana, in quel di venerdì, ospiterà il Milan, in via di ripresa dopo un periodo di crisi.

Nella scorsa stagione, fu il Milan l’unica a vincere tra le due compagini. La vittoria arrivò nello scontro di andata, proprio all’Arechi, il risultato finale fu 1-2 a favore dei meneghini. Leão e Tonali furono gli autori delle reti tra il 10’ e il 15’ minuto, per la Salernitana accorciò Bonazzoli al minuto 83.

I precedenti totali tra granata e rossoneri sono otto, di cui solamente uno finì a favore della Bersagliera. Quest’unico risultato positivo risale al lontano 1948, nel quale l’Ippocampo uscì vittorioso per 4-3. Per il resto, cinque vittorie Milan e due pareggi.

I rossoneri stanno riuscendo a superare una fase critica della propria stagione, con tre vittorie negli ultimi quattro scontri di Serie A. In quanto a competizioni europee, è arrivata la qualificazione in Europa League, una magra consolazione, dopo il non riuscito approdo agli ottavi di Champions. Nell’ultimo match, vinto 3-0 ai danni del Monza, il ritorno di Leão ha subito dato i suoi frutti: è proprio del portoghese, l’assist del momentaneo 2-0, firmato Simic. Tornato, quindi, a pieno regime, il numero 10 rossonero sarà l’elemento da marcare stretto. Stesso trattamento sarà riservato a Olivier Giroud, miglior marcatore del Diavolo a quota otto gol in tredici presenze in campionato. Dietro di lui Pulisic, con cinque reti.

Bilancio positivo fuori casa per il Milan, con quattro vittorie nelle otto gare disputate. Occhio però, perché nelle ultime tre gare al di fuori delle mura amiche, sono arrivati due pareggi, contro Napoli e Lecce, e una sconfitta, al Gewiss di Bergamo con l’Atalanta. Finora, i gol segnati dai ragazzi di Pioli sono 29, i quali valgono il titolo di secondo miglior attacco del campionato. Le reti subite, invece, sono 19, le medesime incassate dall’Atalanta.

La situazione infermeria rimane critica, ai già infortunati Kalulu, Thiaw e compagnia si uniscono Pobega e Okafor, costretti a fermarsi nel corso del match con il Monza. Pioli opterà, probabilmente, per un 4-2-3-1, con il solito Maignan a proteggere l’arco. Sulle corsie esterne Theo Hernandez e Calabria rientrato dalla squalifica, al centro della difesa Tomori e Kjaer. Il duo in mediana sarà composto da Adli e Reijnders, dietro al più avanzato Loftus-Cheek. Ai lati dell’inglese, Pulisic e Leao, a sostegno della punta Giroud.