Home News La perla di Anderson nel fango dell’Arechi, Salernitana-Ascoli 1-0

La perla di Anderson nel fango dell’Arechi, Salernitana-Ascoli 1-0

335
0
Tempo di lettura: 2 minuti

La Salernitana batte l’Ascoli per 1-0 nella sfida valevole per la 5/a giornata di Serie B 2020/2021. Decide il match una rete di André Anderson all’87’. Granata secondi in classifica a 11 punti.

Vincere per mantenersi sulla scia della capolista Empoli. Questo l’obiettivo della Salernitana che riceve all’Arechi l’Ascoli, nella sfida valevole per la 5/a giornata di Serie B 2020/2021. Una partita resa complicata dalla pioggia battente che rende il terreno di gioco dell’impianto di via Allende molto pesante.

Nonostante tutto, è della Salernitana la prima occasione da rete. Al 10′, insidiosa punizione di Schiavone dalla trequarti che attraversa tutta l’area senza incocciare in deviazioni. La palla rimbalza sul terreno bagnato e sembra schizzare verso l’angolino, ma Leali ha un riflesso felino e devia in angolo. La risposta dell’Ascoli avviene al 17′. Cavion entra in area, scherza Gyomber con un sombrero ma la sua conclusione è debole ed è parata da Belec.

Al 26′, Salernitana vicinissima al gol del vantaggio. Sugli sviluppi di un’azione offensiva, Tutino lascia partire un diagonale dal vertice basso a destra dell’area di rigore. La sfera, deviata da Brosco, si stampa sul palo e torna in area. Djuric la gestisce e serve a rimorchio Di Tacchio ma la conclusione del capitano granata termina alta.

La pioggia continua a cadere copiosamente e rende di conseguenza il terreno di gioco pieno di pozze che ostacolano il regolare scorrere del pallone. La gara diventa molto fisica e non vengono costruite particolari occasioni da rete. Si va negli spogliatoi al 45′ sul punteggio di 0-0.

La ripresa si apre con il marchio di fabbrica dell’ascolano Kragl: la bomba su punizione da lontano. La conclusione dell’ex Benevento dai 40 metri termina di poco alta sulla porta difesa da Belec. Sessanta secondi dopo, è Schiavone a rispondere a Kragl con una sventola da lontano che coglie l’incrocio dei pali. La palla resta in area e sugli sviluppi dell’azione Aya conclude a botta sicura ma Leali respinge in maniera fenomenale.

Al 66′, tocca a Belec essere protagonista. Il portiere granata respinge una conclusione ravvicinata di Tupta ben imbeccato da Kragl sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Sei minuti dopo si vede finalmente Milan Djuric. Il bosniaco svetta su cross di Kupisz, ma non schiaccia il pallone, che finisce alto sulla traversa.

Girandola di cambi e in casa Salernitana entrano Dziczek (gradito ritorno), Lopez e André Anderson. Ed è proprio quest’ultimo che all’87’ lascia partire un destro a giro sul quale Leali nulla può, portando in vantaggio la Salernitana.

Il finale è convulso. Al 93′, l’Ascoli protesta e chiede il rigore per un presunto fallo di Lopez sul neoentrato Cangiano, ma per l’arbitro Giua di Olbia è tutto regolare. Si tratta dell’ultima emozione di una partita che la Salernitana vince per 1-0. I granata sono secondi a 11 punti, a due punti dalla capolista Empoli.

SALERNITANA (4-4-2): Belec; Casasola, Aya, Gyomber, Veseli (76′ Lopez); Kupisz (92′ Karo), Schiavone (84′ Dziczek), Di Tacchio, Cicerelli (76′ André Anderson); Tutino (92′ Giannetti), Djuric. A disposizione: Adamonis, Micai, Mantovani, Baraye, Iannoni, Capezzi, Antonucci, Barone. Allenatore: Castori.

ASCOLI (4-2-3-1): Leali; Pucino, Brosco, Avlonitis, Kragl; Cavion (92′ Cangiano), Saric; Tupta (86′ Corbo), Sabiri (46′ Lico), Pierini (60′ Splendhofer); Bajic. A disposizione: Sarr, Ndiaye, Sini, Ghazoini, Donis, Gerbo, Matos, Chiricò. Allenatore: Bertotto.

Marcatori: 87′ André Anderson

ARBITRO: Antonio Giua di Olbia. Assistenti: Vecchi – Marco Della Croce. IV uomo: Massimi.

Note – Ammoniti: Di Tacchio (S), Cicerelli (S), Dziczek (S), Casasola (S), Brosco (A), Kragl (A)

Articolo precedenteSalernitana a caccia dell’imbattibilità, all’Arechi c’è l’Ascoli: tante conferme per Castori e Bertotto
Articolo successivoAndré Anderson a DAZN: “Contento per il gol, possiamo fare tanto. Alla Lazio ho imparato molto”